trasporti

Aerei, Iata annulla l’assemblea annuale per crisi settore e restrizioni ai viaggi

La riunione già slittata da giugno a novembre si terrà solo in forma virtuale, da Amsterdam, il 24 novembre

di Gianni Dragoni

default onloading pic
(REUTERS)

La riunione già slittata da giugno a novembre si terrà solo in forma virtuale, da Amsterdam, il 24 novembre


2' di lettura

La Iata ha annullato l’assemblea annuale in presenza che era in programma a fine novembre ad Amsterdam. La riunione era già stata rinviata rispetto al calendario previsto, all’inizio di giugno, a causa del Coronavirus. L’associazione delle compagnie aeree mondiali ha comunicato che l’assemblea si svolgerà solo come «evento virtuale» il 24 novembre ad Amsterdam.

Le quarantene

La decisione di annullare l’assemblea in presenza, che di solito attira alcune migliaia di partecipanti, è stata presa perché i governi non hanno allentato le restrizioni ai viaggi all’estero, in particolare le quarantene.

La sede ad Amsterdam

L’assemblea si sarebbe dovuta svolgere dal 22 al 24 novembre, invece sarà in forma virtuale e ridotta solo il 24 novembre. La decisione è un segno della gravità della crisi del trasporto aereo e della mancata ripresa parziale del traffico internazionale che era attesa dall’estate in poi. Inoltre è stato annullato, per quest’anno, il World Air Transport Summit (Wats) che accompagna l’assemblea.

Le restrizioni ai viaggi

«La decisione di cancellare l’assemblea in presenza non è stata presa facilmente e non riflette in alcun modo l’ospitalità dell’Olanda, né la nostra compagnia ospite, Klm. Quando abbiamo rimandato l’assemblea di quest’anno da giugno a novembre, era con l’aspettativa che le restrizioni poste dai governi ai viaggi sarebbero state alleggerite in maniera sufficiente per consentire un incontro fisico. Questo adesso sembra improbabile e vengono attivati piani alternativi per un evento virtuale», ha detto il direttore generale della Iata, Alexandre de Juniac.

«La crisi più grave della storia»

«L’industria è nella crisi più grave della sua storia. Ed è più importante che mai per l’industria _ ha osservato il d.g. della Iata _ fare in modo che questa riunione serva come una chiamata di resilienza per fare in modo che troviamo soluzioni per aprire in maniera sicura le frontiere e ristabilire una connettività globale, assicurare corsie vitali per il trasporto merci; e costruire un futuro sostenibile dalla distruzione del virus».

Previste perdite per 84 miliardi di dollari

Secondo le stime della Iata quest’anno tutte le compagnie mondiali avranno un calo dei ricavi del 50% pari a 419 miliardi e una perdita aggregata complessiva nei bilanci pari a 84,3 miliardi di dollari, dopo 10 anni consecutivi di profitti globali. Per l’anno prossimo è prevista una perdita di quasi 16 miliardi, ma la situazione sta peggiorando rispetto alle stime di alcuni mesi fa.

Lavori virtuali

L’assemblea «virtuale» sarà ospitata da Klm, tutte le 290 compagnie associate, i partner industriali e i giornalisti potranno partecipare in maniera virtuale, cioè in videoconferenza.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti