ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùtrasporti

Aerei, Linate riapre il 13 luglio. Molte compagnie chiedono di riattivare gli slot

La società di gestione Sea avrebbe prolungato la chiusura almeno fino a settembre. I voli sono tutti a Malpensa. Pressioni di Alitalia per ripartire

di Gianni Dragoni

default onloading pic
(ANSA)

La società di gestione Sea avrebbe prolungato la chiusura almeno fino a settembre. I voli sono tutti a Malpensa. Pressioni di Alitalia per ripartire


3' di lettura

Si torna a volare da Linate, il comodo city airport di Milano che è chiuso dal 16 marzo. Il governo ha ufficializzato l’intenzione di far ripartire i voli dal 13 luglio, in sostanza quando terminerà l’attuale regime di chiusura decretato dal governo, che arriva fino al 14 del mese, ma sembrava dovesse essere prolungato. L’Enac, l’ente dell’aviazione civile, ha già dato parere favorevole alla riapertura in una lettera alla ministra dei Trasporti, Paola De Micheli. E dal dicastero di Porta Pia è arrivata una lettera all’Enac che dice: potete autorizzare la riapertura di Linate.

Sea voleva la chiusura fino a settembre
I voli potranno partire da lunedì 13 luglio, se i vettori saranno pronti a riprogrammare l’attività. La Sea, la società pubblica controllata dal Comune che gestisce lo scalo, ha concentrato le attività sull’aeroporto di Malpensa, più distante da Milano, per ridurre i costi finché c’è poco traffico. Malpensa ha una pista più lunga, che consente atterraggi e decolli di aerei più grandi. Sea avrebbe voluto tenere chiuso Linate almeno fino a tutto settembre, invocando anche problemi di sicurezza, perché ci sono lavori di ristrutturazione dell’aerostazione che limitano gli spazi. Secondo la Sea l’obbligo del distanziamento tra le persone - che è tuttora valido negli aeroporti - rende impossibile sfruttare tutta la capacità dello scalo, più piccolo di Malpensa. L’anno scorso Linate è stato chiuso tre mesi per il rifacimento della pista.

Le pressioni di Alitalia
Alitalia al contrario sta facendo pressioni da diverse settimane per la riapertura, perché i suoi piani prima del Coronavirus prevedevano il sostanziale azzeramento dei voli da Malpensa e la concentrazione a Linate, dove la compagnia controlla circa il 70% degli slot. I voli da Linate si vendono a prezzi più alti, perché non ci sono le low cost come a Malpensa, che è la principale base italiana di easyJet e ospita anche Ryanair.

Alitalia già vendeva i voli per agosto
Alitalia aveva perfino già messo in vendita voli da Linate in agosto per molte destinazioni, anche se l’aeroporto tuttora è chiuso. L’operazione ha suscitato polemiche. Su quest’iniziativa c’è un rimpallo di responsabilità all’interno della compagnia, tra il direttore generale Giancarlo Zeni e il direttore commerciale Fabio Lazzerini, che adesso il governo - ha annunciato il premier Giuseppe Conte - ha promosso ad amministratore delegato della futura Newco Alitalia. Lazzerini è sostenuto da Dario Franceschini, il ministro capodelegazione del Pd.

La data di riapertura
La lettera del ministero dei Trasporti (non è firnata dalla ministra) all’Enac ha confermato le indiscrezioni sulla possibilità di riaprire Linate il 13 luglio. L’Enac quindi procederà alla riapertura in questi termini. E se le compagnie fanno in tempo a programmare l’attività i voli potranno ripartire il giorno stesso. Tra le motivazioni condivise dal governo e dall’Enac per la riapertura di Linate c’è la considerazione che la chiusura crea difficoltà di accesso ai voli per aree territoriali importanti, oltre che rendere più scomodo il trasferimento dal capoluogo lombardo a Malpensa. Nella decisione si è tenuto conto del fatto che la Sea è concessionaria di un servizio pubblico e quindi non devono essere valutati solo i conti dell’azienda aeroportuale.

Lufthansa, Ba, Air France-Klm pronte al decollo
La ripartenza di Linate è molto attesa anche dalle principali compagnie straniere. Lufthansa, British Airways, Air France, Klm hanno chiesto al coordinatore degli slot aeroportuali, Assoclearance, la riattivazione degli slot, cioè le bande orarie di atterraggio e decollo nello scalo. L’aeroporto non potrà ripartire a piena capacità, a causa dei lavori nell’aerostazione, ma - fa notare una fonte autorevole - la limitazione dei movimenti sarà di piccola entità.

La reazione di Sala
C’è stata una reazione critica del sindaco di Milano. «Noi non possiamo sobbarcarci tutti i costi», ha detto Giuseppe Sala, sulla riapertura di Linate a luglio. «In termini di servizio per i cittadini è una cosa giusta, ovviamente aiuta l’Italia ma dal nostro punto di vista ci costa un paio di milioni al mese, così mi dicono».

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Gianni DragoniCaporedattore, inviato

    Luogo: Roma

    Lingue parlate: italiano, inglese, francese

    Argomenti: economia, finanza, industria aerospazio, difesa, industria ferroviaria, trasporto aereo, grandi aziende pubbliche, privatizzazioni, bilanci società di calcio, stipendi manager, governance società quotate, conflitti d'interesse

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti