ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùtrasporti

Aerei, Milano Linate è chiuso ma Alitalia vende ugualmente i voli

La compagnia fa cassa vendendo biglietti per molte destinazioni nazionali e internazionali dallo scalo lombardo. E non rimborsa i voli cancellati

di Gianni Dragoni

default onloading pic
(ANSA)

La compagnia fa cassa vendendo biglietti per molte destinazioni nazionali e internazionali dallo scalo lombardo. E non rimborsa i voli cancellati


4' di lettura

Alitalia vende biglietti per voli da Milano Linate in agosto, ma l’aeroporto è chiuso. E non si sa quando riaprirà. La società di gestione, Sea, ha concentrato l’attività a Malpensa per ridurre i costi e sostiene che Linate deve restare chiuso perché i lavori di rifacimento impedirebbero di sfruttarne la capacità, per l’obbligo di distanziamento di un metro tra i passeggeri.

Alitalia non rimborsa i voli cancellati
Intanto Alitalia vende voli per tante destinazioni, da Palermo a Parigi, e incassa soldi per voli che quasi sicuramente non verranno fatti. Ai passeggeri la compagnia potrà dare dei voucher da usare per voli futuri, visto che il governo non la obbliga a rimborsare i voli, come prevedono invece i regolamenti europei.

Aeroporto comodo, tariffe più alte
Linate è l’aeroporto più comodo di Milano perché molto vicino alla città. Dunque la chiusura rende più scomodo il viaggio dei passeggeri, una corsa in taxi a Malpensa costa più di un biglietto medio per un volo low cost. Per questo i voli da Linate sono più cari di quelli da Malpensa, dove c’è la principale base in Italia della low cost easyJet.

Linate chiuso da metà marzo
Linate è stato chiuso a metà marzo per le misure sul coronavirus. Con l’ultimo decreto dei ministri dei Trasporti Paola De Micheli e della Salute Roberto Speranza la chiusura è stata prolungata fino al 14 luglio. Ma la Sea non intende riaprirlo per l’estate, aspetta che il traffico aumenti. La ministra De Micheli ha detto che «Linate è stato chiuso per una precisa richiesta della Sea», ha citato il problema dei lavori e ha detto che «le attività di ristrutturazione termineranno a fine 2020-inizio 2021».

Alitalia non informa i passeggeri
Non c’è una data per la riapertura. Intanto Alitalia vende i biglietti e non informa i passeggeri che i voli potrebbero non essere fatti né che c’è come minimo incertezza sulla riapertura dello scalo. La compagnia ha già venduto biglietti da Linate per luglio incassando soldi. Adesso ci sono voli per agosto, per luglio non più.

Linate-Palermo
Ecco alcuni esempi di voli in vendita di Alitalia da Linate. Il primo agosto per andare a Palermo ci sono 4 voli diretti da Linate. La prima partenza è prevista alle 12:20, arrivo alle 13:55 nel capoluogo siciliano. Il prezzo minimo sola andata è 339,98 euro (Economy light), il più alto 409,98 euro (flex). Il successivo è alle 14:35, prezzo minimo 259,98 euro, massimo 329,98 euro.

Destinazione Catania
Da Linate si può comprare un biglietto anche per Catania. Per esempio il 13 agosto Alitalia la La prima partenza è alle 8:50, arrivo alle 10:35. Il biglietto costa da un minimo di 99,98 a un massimo di 169,98 euro in economica. Se si sceglie il volo delle 10 il prezzo scende a 76,98 euro, il massimo a 146,98 .

Da Linate a Bari o a Napoli
Se vogliamo andare a Bari il 3 agosto Alitalia vende 4 voli diretti da Linate. La prima partenza è alle 6:55, prezzo minimo 75,98 euro, massimo 145,98 euro. L’ultimo volo è previsto alle 21:25, il biglietto costa da 55,98 a 125,98 euro. Si possono comprare biglietti anche per Napoli. Per esempio il 18 agosto da Linate ci sono tre voli diretti. Il primo è alle 9:30, costa da 78,98 a 148,98 euro. L’ultimo, partenza alle 21:40, costa da 38,98 a 108,98 euro.

Il volo per Lamezia
Per chi preferisce la Calabria Alitalia offre anche voli diretti da Linate per Lamezia Terme. Il 20 agosto partenza alle 11, arrivo previsto alle 12:40. Il biglietto costa da 47,98 a 117,98 euro. Ci sono altri due voli in giornata, partenza da Linate alle 14:05 o alle 22:00, sono più economici del primo: da 38,98 a 108,98 euro.

I voli per Parigi
Puntiamo all’estero. Si può comprare un biglietto da Linate per Parigi. Per esempio il 10 agosto la partenza è alle 7, arrivo previsto al Charles De Gaulle alle 8:30, prezzo minimo 47,52 euro, massimo 117,52. C’è un secondo volo alle 14:35, il biglietto costa da 77,52 a 148,52 euro.

Un biglietto per Londra
Il sito di Alitalia mette in vendita anche biglietti per Londra. Il 7 agosto partenza alle 10:30, arrivo previsto all’aeroporto City alle 11:25, prezzo minimo 58,52 euro e massimo 128,52. In giornata ci sono altri tre voli, uno per il City e due per Heathrow. L’ultimo decollo alle 19:40 da Linate, arrivo previsto a Heathrow alle 20:45, il biglietto costa da 36,52 a 106,52 euro.

Voli per la Sardegna
Alitalia ha messo in vendita anche biglietti da Linate per la Sardegna in agosto. Per esempio a partire dal primo agosto un volo Linate-Olbia, partenza alle 21:40 e arrivo 22:50, al prezzo di 79,03 co la tariffa di «continuità territoriale», riservata ai residenti in Sardegna e a qualche altra categoria (giovani fino a 21 anni, studenti universitari fino a 27, oppure chi ha più di 70 anni). Sul sito abbiamo trovato in vendita anche voli Linate-Cagliari a partire dal primo agosto, con due partenze alle 14:45 e 21:00. Il biglietto minimo il primo agosto offerto a 125,67 euro, gli altri giorni fino al 7 agosto c’erano posti solo in continuità territoriale a 79,03 euro.

Voli spariti
Ma oggi questi voli da Linate per la Sardegna non ci sono più. «Siamo spiacenti ma non è stato possibile procedere con l’operazione richiesta», dice una scritta rossa sul sito di Alitalia. Si possono però sempre comprare gli altri biglietti per Palermo, Catania, Bari, Parigi, Londra. Ma l’aeroporto di Linate resta chiuso.

Il rimpallo delle responsabilità
Alitalia dovrebbe spiegare perché vende questi biglietti. E il governo, che ha stanziato 3 miliardi per salvare la compagnia, dovrebbe chiedere perché inganna i consumatori. Secondo voci ci sarebbe un rimpallo interno di responsabilità tra il direttore generale Giancarlo Zeni e il direttore commerciale, Fabio Lazzerini, che è il candidato sostenuto dal ministro Pd Dario Franceschini a fare l’.a.d. della Newco Alitalia.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Gianni DragoniCaporedattore, inviato

    Luogo: Roma

    Lingue parlate: italiano, inglese, francese

    Argomenti: economia, finanza, industria aerospazio, difesa, industria ferroviaria, trasporto aereo, grandi aziende pubbliche, privatizzazioni, bilanci società di calcio, stipendi manager, governance società quotate, conflitti d'interesse

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti