locazioni

Affitti al mare in attesa della ripartenza

Le tempistiche della fine dell’isolamento in città influenzeranno la domanda

di Paola Dezza

default onloading pic
(Aldeca Productions - stock.adobe.com)

Le tempistiche della fine dell’isolamento in città influenzeranno la domanda


2' di lettura

Il desiderio di pensare a una vacanza o a un soggiorno in una casa confortevole affacciata possibilmente su un bel panorama è elevato. Archiviata per ancora un po’ di tempo la possibilità di andare in hotel, molti dei quali sono chiusi proprio per mancanza di clintela, si preferisce optare per il soggiorno in casa, un’abitazione sanificata dove restare al sicuro con le proprie famiglie.

Ed è questo trend che segnalano alcune agenzie di luoghi di villeggiatura, che si sono viste arrivate numerose telefonate e prenotazioni in anticipo rispetto agli anni passati. Se verrà data la possibilità di effettuare qualche spostamento sicuramente sarà verso location di vacanza, dove restare magari ancora una volta in casa, ma in situazioni più confortevoli rispetto a un bilocale o un trilocale in città.

Loading...

Secondo SoloAffitti, network specializzato nelle locazioni, emerge che più che la campagna è il mare il luogo dove affittare per 2-3 mesi per evadere dalle città in questa fase complicata. «Ci sono segnalazioni di persone che nei mesi estivi vogliono stare in località di mare, lontano dalle città, con un anticipo rispetto alle tempistiche di prenotazione Italia su Italia degli anni passati» fanno sapere dal network immobiliare. Il team di SoloAffitti segnala anche l’esistenza di una domanda da parte di medici e infermieri che in queste località preferiscono trovare soluzioni dove vivere da soli perché non vogliono rischiare di contagiare i familiari. Si tratta in questi casi di appartamenti di piccole dimensioni, mai in condivisione, situati quasi sempre nelle vicinanze degli ospedali.

Ci sono anche persone che rientrano dall’estero e scelgono di isolarsi in quarantena (italiani e stranieri che devono arrivare in Italia) in località di vacanza.

Secondo i dati messi a disposizione da Scenari Immobiliari il tema delle seconde case riguarda 3,5 milioni di abitazioni, suddivise tra 1,6 milioni (45,7%) al mare, 1,1 milioni di case (31,4%) situate in montagna e, infine, 0,8 milioni (22,9%) tra campagna e lago. Come già detto oggi, per la stagione e per via di quello che possono offrire, le località di mare sono quelle preferite.

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati