LOCAZIONI

Affitti a studenti, -2% i canoni per stanze singole e doppie

Dopo le tante disdette del lockdown il mercato è attendista. Ripartenza attesa a settembre

di Laura Cavestri

default onloading pic
(FOTOGRAMMA)

Dopo le tante disdette del lockdown il mercato è attendista. Ripartenza attesa a settembre


4' di lettura

Iniziano a vedersi le prime conseguenze del lockdown sul mercato immobiliare sugli affitti agli studenti universitari fuori sede. Come ogni anno, Solo Affitti Spa, forte della presenza di agenzie affiliate su gran parte del territorio nazionale, diffonde i dati e prospettive del settore. Secondo il monitoraggio della rete, il 79,5% delle agenzie ha ricevuto richieste di risoluzione del contratto di locazione, il 65% di riduzione dei costi. Leggero calo degli affitti per le stanze (-2%), ma aumentano in città come Milano, Roma e Napoli.

Il mercato degli affitti a studenti durante il lockdown

Nelle città universitarie, il 65% delle richieste di riduzione del canone di affitto pervenute alle varie agenzie riguardava propri immobili affittati da universitari. Molte anche le richieste di risoluzione del contratto, poiché sin dal principio molti studenti hanno potuto contare sulla didattica a distanza e la situazione di forte incertezza li ha spinti a voler tornare nella città di origine, oltre che per ragioni affettive anche e soprattutto per motivi di risparmio economico. Il 42% delle agenzie ha rilevato una moderata crescita delle disdette inviate ai proprietari dagli studenti durante il lockdown e il 37,5% ha segnalato una forte crescita. Le agenzie interessate dal fenomeno sono state quindi complessivamente il 79,5%, con disdette all'ordine del giorno nella gran parte delle città italiane.

AFFITTI PER STUDENTI 2020
Loading...

Richieste in calo, si attende la ripresa a settembre

Il mercato si trova ora a vivere una situazione di incertezza generale, con la speranza che dai mesi di settembre-ottobre si possa registrare una ripresa sensibile. Se negli anni passati nei mesi estivi (solitamente già da luglio) migliaia di studenti in tutta Italia iniziavano la caccia alla stanza perfetta che li avrebbe accompagnati nel percorso di studi, quest’anno non sembra essersi ancora attivato il mercato.

Il 75% delle agenzie ha riscontrato finora un forte calo di richieste da studenti, il 14,6% un calo moderato. Solo l’8,3% dichiara che la situazione sia sostanzialmente stabile.
«Il calo delle richieste era facilmente prevedibile visto il periodo – ha affermato Silvia Spronelli, Ceo di Solo Affitti –. Questo dato potrebbe, però, essere semplicemente frutto di attendismo: è plausibile ipotizzare almeno un parziale recupero a settembre, quando sarà più chiara agli studenti sia la situazione epidemiologica del paese, sia quali modalità didattiche sceglierà per le lezioni ciascun ateneo: se si proseguirà con la didattica a distanza o se si tornerà alle lezioni in aula, se riprenderanno le attività come i laboratori, borse di collaborazione presso gli atenei o se incominceranno i tirocini. Per valutare il reale stato del mercato e la sua eventuale ripresa dovremo aspettare settembre, in concomitanza con i test d'ingresso di diversi corsi di laurea. Nel frattempo, vista l’incertezza, diversi proprietari potrebbero garantirsi un reddito da locazione scegliendo di spostare l’immobile dal mercato degli studenti al target delle famiglie con figli, che ricercano immobili spaziosi e la cui richiesta non manca di certo».

I canoni di locazione delle stanze nelle città universitarie

La quarantena ha avuto effetti anche sul costo degli affitti di stanze doppie e singole agli studenti, anche se tutto sommato limitati e molto diversificati tra le varie città. La media nazionale (306 euro per una stanza singola, 214 euro per un posto in stanza doppia) evidenzia una riduzione di circa il 2%, ma in alcune città come Milano, Roma e Napoli, si sono registrati aumenti anche importanti.

La città con il maggior incremento percentuale per le stanze doppie è stata Genova (+33%, pari a circa 50 euro), seguita da Napoli (+25%, 48 euro), mentre per le singole l'incremento maggiore è a Rimini (+12%, 45 euro) e Bologna (+10%, 33 euro).Moltissime le città che, al contrario, hanno ridotto il canone di locazione per le stanze affittate agli universitari. Per le doppie, la riduzione percentuale maggiore la avranno gli studenti di Padova (-32%, 80 euro) e Trieste (-13%, 25 euro). Nonostante la maglia nera per quanto riguarda le doppie, Genova fa registrare il maggior calo di costo per le singole (-17%, 50 euro), seconda solo alla città di Modena (-23%, 75 euro).

Milano e Roma sono le città in cui il prezzo per gli affitti delle stanze è maggiore. La singola costa mediamente 592€ a Milano (+3%), 429€ a Roma (+7%) e 425€ a Rimini (+12%).Il costo a persona di una doppia, invece, è di 421 euro a Milano (+7% rispetto al 2019), 273 euro a Roma (+6%) e 250 euro a Bologna (-7%).

Le preferenze degli studenti nella ricerca della stanza in affitto

Come da alcuni anni a questa parte, rimangono di primaria importanza la vicinanza dell’appartamento rispetto alla facoltà frequentata (73%) e la comodità ai mezzi pubblici (60%), oltre alla disponibilità della stanza singola invece che una doppia o una tripla (67%). Molto importante anche l’arredamento di buon livello come fattore di scelta (38%), così come ormai ritenuta imprescindibile per molti la presenza di wi-fi (23%), che, a dire il vero, è sempre più diffusa come dotazione standard. Va rilevato, infine, che l’emergenza sanitaria non ha radicalmente cambiato il rapporto degli studenti rispetto alla ricerca dell’alloggio in affitto. Infatti, a specifica domanda, le agenzie segnalano una crescita dall’anno scorso a quest’anno della ricerca di immobili non condivisi (monolocali o bilocali, anziché i classici appartamenti affittati per stanze) di soli 8 punti percentuali rispetto all’anno precedente. Se lo scorso anno il 20% degli studenti si avvaleva di immobili in cui vivere in maniera totalmente autonoma, quest'anno la quota di studenti che scelgono di non condividere con altri i propri spazi sono saliti solamente al 28%. Insomma, l’emergenza sanitaria non sembra aver cambiato radicalmente le abitudini di vita degli studenti fuori sede, almeno di quelli che sono certi di tornare nelle aule fisiche.


Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati