il sole 24 ore del lunedì

Affitto, dalla durata agli studenti arriva la «Guida» per i contratti lunghi

La Guida rapida «Affitti. I contratti lunghi» in uscita lunedì 9 dicembre con l’Esperto risponde del Sole24Ore si sofferma sull’affitto delle case a lunga scadenza. Quattro pagine di vademecum per comprendere quali sono le parti in gioco e in quale perimetro normativo possono agire


default onloading pic

2' di lettura

Avere la salute prima di tutto, è l’imperativo-desiderio corrente. Certo ma, con molta probabilità, subito dopo viene la casa, meglio se di proprietà, ma anche in affitto può andar bene. Quel che conta è poter avere un tetto, un posto dove stare. E proprio sull’affitto delle case – quello a lunga scadenza, per le famiglie, si direbbe “tradizionale”– si sofferma la Guida rapida “Affitti. I contratti lunghi” in uscita lunedì 9 dicembre con l’Esperto risponde del Sole24Ore. Quattro pagine di vademecum per comprendere quali sono le parti in gioco e in quale perimetro normativo possono agire.

Una descrizione dettagliata viene dedicata alle tipologie di contratto che è possibile sottoscrivere: a canone libero o concordato. E, in particolare, alle caratteristiche che definiscono la locazione di immobili a studenti universitari. A questi ultimi, ad esempio, l’alloggio può essere concesso per un periodo circoscritto: da un minimo di sei mesi a un massimo di tre anni.

La Guida rapida, si occupa in modo analitico delle agevolazioni fiscali previste – in tema di Imu, Tasi e Irpef - per le parti che siglano un canone concordato, ossia il proprietario e il cosiddetto “conduttore” che prende in affitto la casa. Un'intera pagina è dedicata ai casi risolti, in forma di domande e risposte. Si va dalle spiegazioni su criteri e modalità di pagamento agli oneri accessori, dal recupero canoni alla disdetta anticipata.

Nell'ultima pagina la Guida rapida mette a fuoco il rapporto tra proprietario, inquilino e amministratore del condominio. In particolare, gli autori si soffermano sul maggiore spazio “conquistato” dall'inquilino nelle sedute dell'assemblea condominiale, dove può partecipare e intervenire su questioni riguardanti il servizio ordinario del riscaldamento e del condizionamento dell'aria.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...