ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIncontro a Marsiglia

Afghanistan, Draghi cerca l’appoggio di Macron sul G20

Anche migranti e rifugiati al centro del colloquio tra i due leader. Difesa Ue, pressioni per una forza militare di rapido impiego

di Gerardo Pelosi

(Ap)

3' di lettura

La crisi afghana sta portando a galla le debolezze strutturali dell’Europa politica e della difesa. Per i 27 è il momento dell’autocritica ma anche dell'azione.

Parlano a una sola voce il premier Draghi (che ha avuto una cena di lavoro a Marsiglia con il presidente francese Emmauel Macron) e gli altri leader europei. Sulla crisi afghana, dice Draghi prima di prendere l’aereo per Marsiglia «l’Ue è stata abbastanza assente» ma «è un problema mondiale. Ne parlerò con Macron».

Loading...

Borrell: «Serve una difesa europea»

Più articolata la valutazione dell’Alto rappresentante per la politica estera e di difesa comune, Josep Borrell. In Afghanistan, osserva Borrell «non si è trattato solo di una sconfitta militare, ma anche di una sconfitta dei valori dell’Occidente che non hanno avuto abbastanza potere nella società afghana». Secondo Borrell, che ha preso parte alla riunione informale dei ministri degli Esteri in Slovenia «la necessità di una maggiore difesa europea non è mai stata così evidente come oggi, dopo gli eventi in Afghanistan». L’Afghanistan per Borrell «è una sveglia affinché l’Ue si prenda le proprie responsabilità e mobiliti le risorse per affrontare le sfide che l’attendono».

Il piano per i profughi

I ministri degli Esteri sono chiamati in Slovenia ad approvare un piano d’azione per l'emergenza profughi. In questo quadro il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio effettuerà dal 3 settembre un viaggio in Uzbekistan, Tagikistan, Qatar e Pakistan. Particolare attenzione verrà dedicata alla questione dei rifugiati e sfollati afghani nei Paesi confinanti. Ma Di Maio appare molto cauto sul dialogo con i Talebani che chiedono un riconoscimento anche all’Italia. Tuttavia riaprire l’ambasciata italiana a Kabul per il titolare della Farnesina «è prematuro». Allo stato attuale «non ci sono le condizioni di sicurezza. Abbiamo ancora tutti davanti agli occhi gli ultimi attentati, dove potevano perdere la vita anche i nostri diplomatici e militari presenti a Kabul».

Sempre in Slovenia i ministri della Difesa europei (per l’Italia Lorenzo Guerini) stanno valutando tempi e modalità per la creazione di una forza di intervento rapido di 5mila uomini che potrebbero arrivare a regime a 20mila. «Le situazioni in Afghanistan, Libia, Medio Oriente e Sahel mostrano che è arrivato il momento. Quando se non ora? Più tardi sarebbe troppo tardi», osserva il generale Claudio Graziano, presidente del Comitato militare dell’Ue.

Ipotesi cooperazione rafforzata

Sarà molto probabilmente la presidenza francese dell’Unione europea a finalizzare la proposta a partire da gennaio prossimo e non è escluso che si possa arrivare a una sorta di “cooperazione rafforzata” tra chi intende partecipare. La ministra della Difesa tedesca, Annegret Kramp-Karrenbauer, invita infatti a fare ricorso all’articolo 44 dei Trattati, norma che permette agli Stati che lo desiderano di mettersi insieme e di andare avanti a maggioranza, senza la necessità di ricercare a tutti costi il consenso di tutti.

L’incontro Draghi-Macron

In altre parole l’Afghanistan ha dato al scossa a un’Europa in forte ritardo sugli appuntamenti che la globalizzazione e le crisi regionali richiedono. Ne hanno parlato a lungo Draghi e Macron a Marsiglia in un colloquio «a tutto tondo». Draghi ha confermato a Macron la volontà di riunire in videocoferenza entro la metà del mese un G20 straordinario. Vi sarebbero sufficienti garanzie in tal senso non solo dal presidente russo Putin ma anche da parte della Cina e per martedì 7 è già fissata la telefonata con il presidente Xi Jinping. «Io credo che il G20 si farà», aveva detto prima di partire per Marsiglia Draghi. Al presidente francese Draghi ha anche manifestato il sostegno italiano alla proposta franco-inglese di una safe zone intorno all’aeroporto di Kabul. «Davanti a quella tragedia immane – sostiene Draghi - ci sono stati Paesi che hanno detto “noi non vogliamo rifugiati afghani”. Come si fa?».

L’asse italo-francese con l’imminente uscita di scena della cancelliera tedesca Angela Merkel si sta rivelando quindi essenziale per il futuro dell’Europa. Su molti dossier Roma e Parigi vogliono continuare a lavorare spalla a spalla.

Si dovrà attendere invece ancora un poco per vedere la firma del cosiddetto Trattato del Quirinale che metterà nero su bianco tutti i capitoli della cooperazione tra i due Paesi. Difficile che ciò possa avvenire entro la fine dell’anno.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti