FAMIGLIE & HOTEL

Ai Giardini del Fuenti un viaggio tra storia e natura

Alessandra e Pier Luigi De Flammineis inaugurano un’offerta ricettiva di 30 suite, gourmet e benessere e il ripristino dei percorsi montani

di Laura Dominici

default onloading pic

2' di lettura

È un progetto di rigenerazione alberghiera quello che la famiglia De Flammineis ha operato in Costiera Amalfitana. È nel lontano 1962 che l’ingegnere Orfeo Mazzitelli rileva un’area edilizia dove fa costruire l’Amalfitana Hotel, in attività dalla fine degli anni Settanta fino al 1985, quando l’area viene soggetta ad una inattività forzata fino al 2017. Furono anni gestiti con determinazione dall’architetto Maria Teresa Mazzitelli, madre di Alessandra e Pier Luigi De Flammineis, oggi terza generazione di una famiglia che opera in Costiera dai primi anni Sessanta.

Dove si trova

Il progetto di riqualificazione, presentato nel 2006 dall’architetto Mazzitelli con la collaborazione del professor Guido Ferrara dell’Università di Firenze, e successivamente approvato dalla conferenza dei servizi a cui parteciparono 24 enti, è stato preso in mano, tre anni fa, da Alessandra e Pier Luigi De Flammineis – terza generazione – che hanno dato nuova luce al piano.

Loading...

A metà strada tra Vietri e Cetara, sulle pendici del monte Falerio, Giardini del Fuenti sorge su un’insenatura che diventa porto naturale, dove i naviganti del basso Tirreno trovavano un riparo sicuro. Oggi Giardini del Fuenti richiama la magnificenza dei giardini pensili dell’antichità per la sua forma e posizione.

Il progetto di riqualificazione

«L’intera area – spiegano i due fratelli – viene proposta come una sorta di sistema esperienziale all’aperto in cui la percezione dell’ambiente predispone il visitatore alla riscoperta di un’intera civiltà». Il progetto non è ancora terminato e nei prossimi 4 anni è previsto un investimento di 15 milioni di euro.

«Saranno inaugurati il ristorante gourmet Volta e il Lounge Club nel primo trimestre del 2021 – annunciano Alessandra e Pier Luigi –. Nei prossimi tre anni abbiamo l’obiettivo di terminare il progetto di riqualificazione di tutta l’area. Un’opera che, sullo stesso stile dei Giardini, prevede un’offerta ricettiva di 30 suite e il ripristino dei percorsi montani, in modo da consegnare a questo lato della Costiera Amalfitana un’offerta turistica unica».

Il resort includerà al suo interno il ristorante gourmet Volta del Fuenti; il Giardino, location adatta a matrimoni ed eventi; il Limoneto, luogo indicato per una cena intima o un aperitivo en plein air; l’Arena del Fuenti, spazio multiservice per spettacoli, eventi, sfilate; il Lounge Club del Fuenti; Riva del Fuenti, sulla riva della spiaggia privata, dove i clienti di terra e di mare trovano un ristorante gourmet e un’ospitalità dedicata con servizi di ristorazione a bordo. «L’attività commerciale dei Giardini del Fuenti è iniziata a metà dello scorso anno, con l’inaugurazione a giugno», commentano i fratelli Alessandra e Pier Luigi De Flammineis.
In questi 36 mesi i due fratelli hanno contribuito a creare un’offerta improntata su diverse attività, dalla gastronomia all’intrattenimento, al benessere e al relax. «Dall’esperienza del passato – concludono Alessandra e Pier Luigi De Flammineis – nasce la volontà della terza generazione di trarre una lezione e di guardare al futuro, continuando ad investire, promuovere e valorizzare il territorio, con un velato senso di riscatto ma soprattutto con un forte senso di rispetto verso ciò che la natura ha donato a questa terra».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati