immunoterapia

Aids, azienda americana chiede all’Fda il via libera per la prima terapia genica contro l’Hiv

La stessa tecnologia è in sperimentazione per altre malattie, da alcuni tumori alla fenilchetonuria

di Francesca Cerati


default onloading pic
AP

1' di lettura

Mentre la big pharma Abbott annuncia che un team di suoi scienziati ha identificato un nuovo sottotipo del virus Hiv - dimostrando il prezioso ruolo del sequenziamento genetico di nuova generazione al fine di restare un passo avanti rispetto alle mutazioni del virus e nell’evitare nuove pandemie -negli Usa una piccola azienda farmaceutica del Maryland, la American Gene Technologies, ha depositato alla Food and Drug Administration (Fda) la richiesta per iniziare il primo test clinico di una terapia genica contro l’Hiv.

Secondo l'azienda potrebbe essere la prima a eradicare definitivamente la malattia e se il dossier di mille pagine verrà approvato, si legge nel comunicato dell'azienda, i primi test sull'uomo inizieranno a gennaio.

Aids: trovato nuovo ceppo virus, il primo da 19 anni

«Il nostro obiettivo - spiega il responsabile scientifico della compagnia David Pauza - è trattare l'Hiv con una terapia cellulare e genica innovativa che ricostituisce l'immunità all'Hiv e controlla la crescita del virus in assenza di farmaci antiretrovirali. Sarebbe la prima immunoterapia che risolve il problema principale dell'infezione da Hiv, cioè l'assenza di cellule del sistema immunitario specifiche per il virus».

La stessa tecnologia, aggiunge la nota, è in sperimentazione per altre malattie, da alcuni tumori alla fenilchetonuria.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...