Il rapporto 2020

Aifa: consumo antibiotici in calo ma uso inappropriato supera il 25%

In base al Rapporto nazionale 2020 sull’uso degli antibiotici in Italia presentato dall’Agenzia Italiana del farmaco (Aifa), il consumo complessivo di antibiotici ha registrato una flessione del 18,2%. Malgrado ciò, in Italia il consumo di antibiotici è superiore rispetto alla media europea

(IMAGOECONOMICA)

3' di lettura

Nel 2020 il consumo complessivo di antibiotici in Italia è stato pari a 17,7 dosi ogni mille abitanti al giorno, con «una forte riduzione rispetto al 2019», pari a -18,2%. Il calo è proseguito nel primo semestre del 2021: l’uso degli antibiotici erogati dalle farmacie a carico del Servizio sanitario nazionale (in assistenza convenzionata) è stato di 10,5 dosi ogni 1000 abitanti al giorno, in riduzione del 21,2% rispetto al primo semestre del 2020. Malgrado ciò, in Italia il consumo di antibiotici è superiore rispetto alla media europea, sia a livello territoriale che ospedaliero. E in Italia gli antibiotici vengono prescritti in modo inappropriato in un quarto dei casi. Sono alcuni dei dati che emergono dal Rapporto nazionale 2020 sull’Uso degli antibiotici in Italia, presentato oggi dall’Agenzia Italiana del farmaco (Aifa).

Nel 2020 -18% uso antibiotici, nel lockdown il calo maggiore

Secondo il rapporto dell’Aifa in tutti i mesi del 2020 si sono registrati in Italia consumi minori di antibiotici rispetto al 2019, ma il calo è stato più evidente nel periodo aprile-giugno (caratterizzato dal lockdown) e a dicembre (mese del blocco degli spostamenti tra regioni). A riceverne di più sono i bambini tra 2 e 5 anni, fascia in cui circa un su 3 riceve almeno una prescrizione di antibiotici nel corso dell’anno, e gli over 85. Con 692,1 milioni di euro gli antibiotici hanno rappresentato il 3% della spesa a carico del Servizio sanitario nazionale. Che si trattasse di antibiotici venduti in farmacia in regime di assistenza convenzionata o di quelli acquistati dagli ospedali, quasi l’80% delle dosi totali è stato erogato dalla sanità pubblica, (-21,7% rispetto al 2019).

Loading...

Cala anche nei primi 6 mesi 2021 uso antibiotici

Il trend è confermato dai dati del primo semestre del 2021: l’uso degli antibiotici erogati dalle farmacie a carico del Servizio sanitario nazionale (in assistenza convenzionata) è stato di 10,5 dosi ogni 1000 abitanti al giorno, in riduzione del 21,2% rispetto al primo semestre del 2020. Anche per quanto riguarda gli acquisti diretti (fatti dagli ospedali) si rileva una significativa riduzione, pari al 31,4%, nel primo semestre del 2021 rispetto al primo semestre 2020, ma con ampie differenze a livello regionale.

In Italia consumo antibiotici sopra media europea

Malgrado la flessione nell’uso, in Italia il consumo di antibiotici resta superiore rispetto alla media europea, sia a livello territoriale che ospedaliero. Nel 2020 - si legge nel report Aifa - si osserva una marcata contrazione dei consumi territoriali di antibiotici in tutti i Paesi Ue/See (Spazio economico europeo), a eccezione della Bulgaria, con un -18,1% rispetto al 2019 a 14,7 dosi definite giornaliere ogni mille abitanti al giorno (Ddd/1.000 ab die). L’Italia è al nono posto, con 16,5 Ddd/1.000 ab die. Considerando le diverse categorie di antibiotici, la Penisola si colloca al di sopra della media Ue/See per penicilline, macrolidi e lincosamidi.

Uso inappropriato supera il 25%

Non solo. In Italia gli antibiotici vengono prescritti in modo inappropriato in un quarto dei casi. Dall’analisi dei dati della medicina generale sulle prescrizioni ambulatoriali di antibiotici - viene sintetizzato nel report - è emersa una prevalenza di uso inappropriato che supera il 25% per quasi tutte le condizioni cliniche studiate (influenza, raffreddore comune, laringotracheite, faringite e tonsillite, cistite non complicata). Ma - ammonisce l’Aifa - l’uso non appropriato di antibiotici, «oltre a esporre i soggetti a inutili rischi derivanti dai loro effetti collaterali, comporta considerevoli problematiche cliniche derivanti dal possibile sviluppo di resistenze».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti