Trimestrali

Airbnb batte la pandemia e le stime degli analisti: entrate a 1,53 miliardi di dollari (+78%)

Nel IV trimestre del 2021 la società di affitti online di San Francisco supera il momento difficile e torna a registrare utili per 55 milioni di dollari

Airbnb gratis per che fugge dall'Afghanistan: case per 20 mila rifugiati

2' di lettura

Conti superiori alle attese degli analisti nel IV trimestre del 2021 per Airbnb. La società di affitti online, con sede a San Francisco, ha riportato entrate cresciute del 78% a 1,53 miliardi di dollari, come riporta una nota emessa dalla stessa Airbnb martedì 15 febbraio, superando le previsioni degli analisti che si erano fermate a 1,46 miliardi di dollari. La società con sede a San Francisco ha registrato un utile netto di 55 milioni di dollari, rispetto a una perdita di 3,9 miliardi nello stesso periodo dell’anno precedente, segnando un record per il periodo. L’utile per azione è stato di 8 centesimi, rispetto alle stime di 3 centesimi.

L’amministratore delegato Brian Chesky ha definito i risultati «l’anno migliore nella storia della nostra azienda» e ha affermato che Airbnb è stata in grado di resistere alla pandemia grazie a un modello di business altamente adattabile. «Abbiamo milioni di tipi di case in quasi ogni fascia di prezzo in tutto il mondo», ha detto Chesky in un’intervista a Bloomberg Television. «Ciò ha significato che, nonostante i cambiamenti nelle abitudini di viaggio, siamo in grado di adattarci».

Loading...

Un brutto periodo a inizio pandemia

La società si è ben ripresa dall’inizio della pandemia, quando l’azienda aveva tagliato migliaia di posti di lavoro. Dopo lo shock iniziale, gli affari sono esplosi anche a causa delle esigenze di smartworking: i lavoratori non dovevano più essere negli uffici tradizionali cinque giorni alla settimana e potevano lavorare da qualsiasi luogo. «Di conseguenza - ha affermato Airbnb in una lettera agli azionisti - molte persone hanno deciso di spostarsi in migliaia di paesi e città, rimanendo per settimane, mesi o persino intere stagioni».

Privilegiati i soggiorni lunghi

Quasi la metà del numero di notti prenotate nel quarto trimestre del 2021 ha riguardato soggiorni di una settimana o più, e una notte su cinque era per soggiorni da un mese o più.

Nel primo periodo dell’emergenza pandemica, molte persone hanno cercato casa in aree rurali a breve distanza dalle grandi città, ma ora, secondo Airbnb, molti stanno iniziando a tornare nelle città. Nel quarto trimestre, le notti lorde prenotate nelle destinazioni urbane sono aumentate rispetto al trimestre precedente e sono quasi tornate ai livelli dello stesso periodo del 2019.

L’effetto di Omicron

Airbnb è rimasta resiliente anche quando la variante Omicron di Covid-19 è diventata predominante alla fine dello scorso anno, interrompendo molte attività e previsioni di vacanze durante le festività natalizie. La società ha comunque affermato di aver riscontrato un impatto inferiore su prenotazioni e cancellazioni con la variante Omicron rispetto a quanto era avvenuto in precedenza con la variante Delta.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti