ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIMMOBILI

Airbnb, con più di 3 appartamenti in affitto si diventa un’impresa

Stretta su Airbnb e codice identificativo, nuove regole per le locazioni turistiche

di Giuseppe Donato Nuzzo

Milleproroghe: stretta su Airbnb

Stretta su Airbnb e codice identificativo, nuove regole per le locazioni turistiche


3' di lettura

Tante le misure che interessano le attività ricettive presenti nel «disegno di legge Turismo», predisposto dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo e collegato alla nuova legge di Bilancio. Il provvedimento, che potrebbe essere portato in Consiglio dei Ministri forse già la prossima settimana, ha tra gli obiettivi principali quello di combattere la piaga dell'abusivismo, promuovere un turismo sostenibile, scongiurare la desertificazione delle aree interne e aiutare le imprese culturali e creative.

CHI AFFITTA PIÙ DI TRE UNITÀ

Numero di appartamenti gestiti da Airbnb. (Fonte: elaborazione Sole 24 Ore su dati estratti da onData su www.airbnb.it)

Loading...

Prevista la stretta su Airbnb
Il Ddl fissa a tre appartamenti in affitto la soglia massima per non essere considerati impresa. Si stabilisce inoltre che anche i soggetti che concedono in locazione breve immobili ad uso abitativo sono tenuti a pubblicare il codice identificativo. Misura, quest'ultima già in vigore in alcune regioni, da ultimo in Puglia, con provvedimento pubblicato il 22 febbraio scorso.

Loading...

Secondo la prima bozza del provvedimento, il disegno di legge dovrebbe essere composto da 18 articoli, suddivisi in tre ambiti: turismo, imprese culturali e spettacolo.

Tasse
Con specifico al turismo, si parte dal credito d'imposta per la riqualificazione, l'accessibilità e la digitalizzazione delle strutture ricettive. È poi prevista l'esenzione su varie imposte (sui redditi, regionali e municipali) per chi avvia o mantiene un'attività economica in un comune delle aeree interne a rischio desertificazione, ovvero con popolazione fino a mille abitanti.

L'imposta di soggiorno verrà applicata da parte dei Comuni, in misura riferita in valore percentuale al prezzo effettivamente corrisposto, non superiore al 10%, comunque sino a 5 euro per notte di soggiorno a persona. È previsto, tra l'altro, la responsabilità del gestore della struttura ricettiva per il pagamento dell'imposta; in caso di omesso, ritardato o parziale versamento, è prevista a suo carico una sanzione fino al triplo del dovuto.

Affitti brevi
Le norme più discusse riguardano la modifica del regolamento relativo agli affitti brevi, anche effettuati online. Il provvedimento, nell'ottima di porre dei paletti alle piattaforme web, sul modello di Airbnb, stabilisce un tetto pari a 3 unità immobiliari, oltre il quale l'attività di locazione sarà considerata imprenditoriale, con gli obblighi che ne conseguono in base al codice civile.

Una disposizione, questa, che si applica «anche ai contratti stipulati tramite soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, oppure soggetti che gestiscono portali telematici, mettendo in contatto persone in cerca di un immobile con persone che dispongono di unità immobiliari da condurre in locazione».

Solo in caso di meno di tre immobili destinati alla locazione breve, ci sarebbe la possibilità di applicazione della cedolare secca al 21%.

Codice identificativo
Come si accennava all'inizio, i proprietari di immobili destinati ad affitti brevi sono tenuti a pubblicare il codice identificativo nelle comunicazioni inerenti all'offerta e alla promozione.

Al momento l'obbligo è in capo a soggetti titolari delle strutture ricettive, soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare e i soggetti che gestiscono portali telematici, mettendo in contatto persone in cerca di un immobile, o porzioni, con chi dispone di unità immobiliari, o porzioni, da locare.

I primi commenti
«L'impianto del disegno di legge ci sembra un passo avanti, perché accoglie buona parte delle indicazioni e dei suggerimenti proposti da Assoturismo e dalle altre associazioni. Su Enit e affitti brevi, però, serve più coraggio: abbiamo bisogno di interventi più incisivi. Da mettere meglio a punto anche l'intervento sull'imposta di soggiorno». Questo il primo commento del presidente di Assoturismo Vittorio Messina delle bozze circolanti del DDL collegato sul Turismo.

«Sugli affitti brevi si può fare certamente meglio – ha dichiarato Messina - servono regole che contrastino il dilagare di irregolarità e che allo stesso tempo tutelino le imprese in regola dell'ospitalità diffusa. Per quanto riguarda l'Enit, invece, riteniamo ormai inevitabili misure mirate ad equilibrare meglio il rapporto con la parte privata. Anche la presenza di un rappresentante dell'Unione delle province italiane, dopo la soppressione delle stesse, appare superata. Inoltre, limitare l'istituzione dei quartieri degli artisti ai soli centri con più di 100mila abitanti ci sembra una strategia controproducente, perché escluderebbe troppe realtà significative».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti