ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùcovid-2019

Airbnb reagisce al tracollo e lancia le Esperienze online

La piattaforma di affitti a breve, che ha appena raccolto un miliardo di dollari per far fronte alla crisi, diversifica il business

di Alessia Maccaferri

default onloading pic

La piattaforma di affitti a breve, che ha appena raccolto un miliardo di dollari per far fronte alla crisi, diversifica il business


3' di lettura

A poche ore dalla maxi raccolta sul mercato di un miliardo di dollari per fare fronte all’emergenza Covid-19, Airbnb annuncia dall’Italia un progetto globale per diversificare l’offerta, nel tentativo di far fronte al tracollo del mercato dei viaggi: parte una sezione dedicata all’esperienze digitali, dove l’utente potrà collegarsi tramite Zoom e partecipare a sessioni di cucina, yoga, disegno ecc. tenute da host in tutto il mondo.

«L’idea è nata in Italia un mese fa - racconta Caterina Manzi, responsabile Esperienze in Italia e coordinatrice globale del progetto - Dopo un’ora di brainstorming online con la community degli host italiana, molto intraprendente e creativa, è uscita l’idea che poi è stata sposata dai vertici della società in California».

Da oggi sono dunque disponibili online 50 esperienze da diversi paesi del mondo (5 da host italiani) e in diverse lingue. Per un prezzo variabile tra 1 a 40 euro, chiunque voglia partecipare, può effettuare la prenotazione attraverso la pagina dedicata all’esperienza prescelta; l’ospite riceverà un link Zoom, integrato nella piattaforma grazie a un accordo ad hoc, al quale connettersi, insieme alle indicazioni necessarie e ai materiali da procurarsi. Le esperienze sono aperte a tutti e i gruppi hanno la possibilità di prenotare un'esperienza in esclusiva.

Dalla meditazione con la pecora alla cucina marocchina

«Ci siamo posti il problema di come conciliare il digitale con la necessità di interazione umana tra l’host e il guest che da l 2016 caratterizza le Esperienze di Airbnb - spiega Manzi - Così abbiamo adottato criteri qualitativi scegliendo gli host esperti e di maggior successo all’interno della nostra community mondiale di 45mila host di cui 4.500 in Italia”.

Meditazione con la pecora, lezioni di cucina marocchina, sessioni di danze irlandesi e spettacoli di magia : queste sono solo alcune delle 50 Esperienze Online disponibili in oltre 30 paesi in tutto il mondo, con l'obiettivo da parte di Airbnb di averne a disposizione oltre 100 nei prossimi mesi.

Diversificazione e mercato domestico
Il progetto Esperienze Online è uno dei primi nati per far fronte alla crisi cercando di diversificare il business e dando un segnale di reattività. Per ora la società non ha ancora stimato l’impatto economico dell’emergenza sulla propria community di host. Per luglio e agosto, le prenotazioni sono aperte, ferme restando le norme sull’emergenza. In ogni caso per i mesi estivi Airbnb invita gli host a politiche di cancellazioni particolarmente flessibili così da incentivare il mercato domestico, verosimilmente il primo a rimettersi in movimento.

Fondo per le cancellazioni e per chi è in difficoltà col mutuo
Nel frattempo Airbnb ha lanciato due iniziative di solidarietà agli host e al personale medico. Sono stati istituiti due fondi, a livello internazionale, rispettivamente di 250 milioni di dollari per gli host che hanno risentito delle cancellazioni e di 10 milioni di dollari per i superhost e gli host di Esperienze che sono in difficoltà nel pagare l'affitto o il mutuo.

Ospitalità a medici e infermieri
Nei giorni scorsi è stato estesa inoltre l’iniziativa Airbnb per medici e infermieri. Inizialmente pensata per accogliere il personale ospedaliero in cerca di un alloggio temporaneo in una nuova città per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, consente anche a chi presta servizio nella sua consueta sede di lavoro di trasferirsi momentaneamente per tutelare i propri cari.

Il nuovo sito è stato sviluppato come parte dell'iniziativa Airbnb Open Homes , lanciata a livello internazionale proprio sul modello del progetto pilota italiano, per dare ospitalità a 100mila professionisti impegnati a fronteggiare l'emergenza. Consentirà in particolare di:

1) offrire a tutto il personale medico una possibilità di autoisolamento a tutela della propria famiglia;

2) dare agli host la possibilità di mettere a disposizione il proprio alloggio
secondo le proprie possibilità sia gratuitamente, sia ad un prezzo calmierato riservato esclusivamente al personale medico aderente al programma;

3) collaborare con enti pubblici e privati per semplificare la ricerca di alloggio da parte del personale medico in fase di reclutamento.

A tutte le prenotazioni non sono applicati i costi del servizio.
ll programma Airbnb per medici e infermieri è stato aperto due settimane fa. Da allora sono circa 3.000 le case che gli host hanno scelto di rendere disponibili al personale ospedaliero. Gli host di ogni regione hanno contribuito all'iniziativa, con un’importante mobilitazione da parte di Toscana (13% degli alloggi totali), Lazio (10%), Piemonte (10%) e soprattutto Lombardia , dove è concentrata la maggior parte dell'offerta (23% ). Per quanto riguarda invece il personale sanitario, sono le 700
richieste.

PER SAPERNE DI PIÙ

Airbnb raccoglie un miliardo di dollari per il post-coronavirus

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Alessia MaccaferriCaposervizio Nòva 24 - Il Sole 24 Ore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: italiano, inglese

    Argomenti: innovazione sociale, impact investing, filantropia, fundraising, smart cities, turismo digitale, musei digitali, tracciabilità 4.0, smart port

    Premi: Premio Sodalitas (2008), premio Natale Ucsi (2006), European Science Writer Award (2010)

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...