AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùverdetto wto

Airbus segna un punto contro Boeing nella faida sui sussidi

di Gianluca Di Donfrancesco

default onloading pic
Il quartier generale di Airbus a Blagnac, in Francia

3' di lettura

Nell’infinita faida tra i giganti dei cieli, l’europea Airbus segna un punto contro l’americana Boeing, pareggiando (forse) il conto, dopo la sconfitta incassata un anno fa. Una sentenza definitiva del “tribunale” dell’Organizzazione mondiale per il commercio (Wto) ha attestato che la compagnia statunitense ha ricevuto aiuti di Stato già dichiarati illegali in passato. Il verdetto è stato emesso il 28 marzo dall’organo d’appello del sistema di risoluzione delle dispute della Wto, l’Appellate body che Washington boicotta, opponendosi al ricambio dei suoi componenti, fino a portarlo sull’orlo della paralisi.

In forza di questa sentenza, l’Unione europea ha il diritto di imporre dazi compensativi sulle importazioni dagli Usa, una sorta di risarcimento per i danni causati dalle sovvenzioni. Le eventuali tariffe dovranno essere commisurate alla perdita subita da Airbus in termini di minori vendite di modelli A320. Per stabilirle sarà necessario un confronto con Washington e l’autorizzazione della Wto. Strada non breve.

La sentenza

I giudici della Wto hanno stabilito che gli Usa non hanno rispettato del tutto l’ordine imposto già nel 2012 di cancellare 29 programmi di sostegno per Boeing: aiuti ottenuti da varie entità (compresa la Nasa) per oltre 5 miliardi di dollari. Queste sovvenzioni consentivano di vendere aerei a prezzi più bassi, a scapito di Airbus. La Ue ha in seguito contestato la mancata applicazione della sentenza da parte degli Usa. Sul punto, la Wto si è espressa in primo grado, nel 2017, affermando che Washington aveva eliminato 28 dei 29 sussidi contestati. Posizione confermata in secondo grado: l’unico programma illegale rimasto è quello dello Stato di Washington: il Business & occupation tax brakes, introdotto nel 2003 per convincere Boeing a produrre il Dreamliner nello Stato e grazie al quale il gruppo avrebbe ottenuto sconti fiscali per 900 milioni di dollari.

Tutti vincitori, tutti perdenti
Sia Washington che Bruxelles cantano vittoria. La commissaria per il Commercio, Cecilia Malmström, ha dichiarato che la Ue continuerà «a difendere la parità di condizioni per il nostro settore: le aziende europee devono essere in grado di competere a condizioni eque e la sentenza è importante in questo senso».

Il presidente Usa, Donald Trump, ha a sua volta sottolineato che i sussidi condannati valgono solo 100 milioni di dollari l’anno. E il Rappresentante per il commercio della Casa Bianca, Robert Lighthizer, ha aggiunto: «Questo verdetto conferma che le sovvenzioni Usa non sono assolutamente paragonabili a quelle enormi e dannose erogate dall’Europa».

Secondo Gary Hufbauer, del Peterson institute for international economics, «in punta di diritto, hanno vinto gli Usa», dato che hanno evitato sanzioni potenzialmente molto più alte. Ma dopo anni di battaglie legali con impatto minimo sulle vendite, «gli unici a guadagnarci sono stati gli avvocati».

Uno a uno (o quasi)

La sentenza del 28 marzo è la seconda decisione chiave in quasi 15 anni di battaglia legale tra Stati Uniti e Unione europea, che si accusano a vicenda di sovvenzionare le rispettive società in barba alle regole della Wto. Nel maggio del 2018, l’Appellate body aveva condannato Bruxelles per non aver cancellato miliardi di sussidi erogati ad Airbus per la costruzione di due velivoli, il superjumbo A380 (che a febbraio ha deciso di accantonare) e l’A350. Le parti si sono sottoposte a un arbitrato per decidere l’entità delle contromisure: Washington chiede dazi per 11 miliardi di dollari.

Il primo colpo, nella faida dei cieli, l’hanno sparato gli Usa nel 2004, con un ricorso alla Wto. La Ue ha risposto con un contro-ricorso, nove mesi dopo. Nel 2010 e nel 2011, la Wto ha stabilito che entrambi gli Stati hanno sovvenzionato le rispettive compagnie.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...