GUIDA AUTONOMA

Al via nel 2021 nel Regno Unito la sperimentazione di robot autonomi che riparano le strade

Elettrici e a guida autonomia. Nel 2021 inizieranno i test dei mezzi di riparazioni stradale in grado di identificare in autonomia buche e crepe da riparare.

default onloading pic

Elettrici e a guida autonomia. Nel 2021 inizieranno i test dei mezzi di riparazioni stradale in grado di identificare in autonomia buche e crepe da riparare.


1' di lettura

Robot elettrici a guida autonoma in grado di usare l'intelligenza artificiale per identificare e riparare crepe e buche entreranno in servizio sulle strade del Regno Unito nel 2021. Gli speciali mezzi di Robotiz3d, società spin-out dell'Università di Liverpool, sembrano un incrocio tra un carro armato e un rullo compressore e sono in grado di rilevare le difettosità sulla strada e intervenire direttamente per riparare le più piccole.

Gli esperti sostengono che gli attuali metodi per rilevare e riparare le buche richiedono un elevato impiego di manodopera e sono lenti, pericolosi e costosi per l'economia e l'ambiente. Mentre, la nuova tecnologia che stiamo sviluppando renderà le attività di manutenzione stradale più veloci, economiche e pulite, rendendo le strade più sicure e accessibili. Il robot è in grado di sorvegliare autonomamente le strade senza la necessità di chiuderle, ed è in grado di rilevare crepe e buche, identificarne la geometria, raccogliere misurazioni e acquisire immagini. Questi dati vengono poi inviati alle autorità locali che potranno decidere se inviare una squadra di personale addetto alle riparazioni. Per le crepe più piccole il robot è invece in grado di intervenire prima che si ingrandiscano e diventino buche a tutti gli effetti scaricando asfalto ad asciugatura rapida che viene appiattito dal rullo compressore posto sul retro del mezzo.

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti