Business

Al via Dronitaly, tutto quello che c’è da sapere

2' di lettura

Lui si fa chiamare Captain Edward Bennet, è australiano e la sua “creatura” è salita di recente agli onori della cronaca per aver compiuto un avventuroso salvataggio in mare. Solo che la creatura in questione sia il “Westpac Little Ripper Life Saver”, il primo drone-bagnino che da qualche tempo sta pattugliando molte spiagge dell'Australia. Il consiglio è di andare su Youtube per vedere come funziona il sistema di Bennet, solo l'ultimo esempio di come i droni, a macchia di leopardo, stanno impattando molte professioni imprimendo un'accelerazione tecnologica. Per capire di più del Westpac Little Ripper Life Saver potete incontrarlo insieme al suo “papà” a “Dronitaly 2018-working with drones” (www.dronitaly.it, Palazzo delle Stelline, 23-24 marzo), l'evento dronistico italiano che torna a Milano rinnovato e con parecchie novità.
Bennet spiegherà come dal nulla sia riuscito a creare un progetto di salvataggio “totale”, che rende il pattugliamento delle spiagge più economico, efficace e sicuro ovunque.

Sempre sul tema, le ARPA italiane hanno partecipato a un importante progetto internazionale denominato EVADAR, con lo scopo di creare una rete di salvataggio e monitoraggio ambientale mediante i droni sulle alpi italiane, svizzere, tedesche e austriache: i risultati dell'iniziativa verrano presentati nella manifestazione. Ma non solo salvataggio e ambiente, i mezzi a guida autonoma volanti, acquatici e terrestri, rappresentano un salto in avanti tecnologico per molti settori professionali: ormai vengono usati sempre di più per monitorare le infastrutture delle TLC o gli impianti industriali delle grandi aziende e i cantieri edili, ma anche per realizzare la nuova “agricoltura di precisione”, per la sicurezza e il film-making di nuova generazione, o per allenamenti ipertecnologici nello sport.

Loading...

Per finire, alle Stelline spazio anche a progetti e applicazioni avveniristiche con i droni degli studenti in collaborazione con Politecnico di Milano, Politecnico di Torino e Assorpas: un'opportunità di incontro tra mondo accademico, start-up e realtà aziendali già presenti nel settore e interessate a implementare i propri ambiti di ricerca. Lo sapevate che i 300 milioni di daltonici nel mondo non possono pilotare i droni? Per spazzare via tutte i miti negativi al riguardo, in collaborazione con l'Associazione “Come vedono i daltonici”, c'è la conferenza “Daltonismo e pilotaggio, problema reale o falso mito?”.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti