ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùSport & business

Al via gli Internazionali, per Federtennis record di pubblico e di fatturato

Negli ultimi 20 anni il movimento italiano è cresciuto esponenzialmente. E oggi i nostri top player ci riportano ai fasti di Panatta &C

di Marco Bellinazzo

Internazionali Bnl Tennis, torna il pubblico: verso il sold out

3' di lettura

Da oggi gli Internazionali d’Italia Bnl entrano nel vivo. I migliori tennisti del circuito si contenderanno fino a domenica prossima sui campi in terra battuta del Foro Italico il titolo dell’Atp 1000 e un montepremi di 4,3 milioni di dollari (2,5 milioni quello del torneo femminile).

Dopo due edizioni condizionate dalla pandemia, per l’appuntamento 2022 si prospetta il record storico di incassi in biglietteria, con oltre 14 milioni. Un successo che testimonia la bontà del lavoro svolto dalla Federazione italiana tennis presieduta dal 2001 da Angelo Binaghi.

Loading...

Vent’anni che hanno trasformato il volto della Fit, oggi un gruppo societario che sovraintende all’organizzazione di eventi internazionali, alle attività di una media company che opera a 360 gradi, nonché alla promozione della disciplina sportiva, dalla base al vertice della piramide agonistica.

Fatturato con multiplo di sette

Un impegno che si è tradotto in un incremento di fatturato fra il 2001 e il 2021 vicino al 700 per cento. I ricavi aggregati della Federazione italiana tennis, infatti, sono aumentati da 16 a 120 milioni, con una proiezione del giro d’affari sul 2022 che supera i 130 milioni.

Parallelamente il numero dei tesserati è passato dai 130mila del 2001 ai 473mila del 2021. E anche qui la prospettiva di crescita nel 2022, sulla base di quanto registrato nel primo quadrimestre, è molto positiva, con un incremento atteso di altre 100mila unità.

Quantità, ma anche qualità. Con le punte di diamante Matteo Berrettini e Jannik Sinner sul fronte maschile, i punteggi Atp dei top 4 italiani in questi vent’anni sono migliorati del 500%, rinverdendo i fasti degli anni ’70. La Fit con i centri tecnici di Formia e Tirrenia si occupa direttamente della crescita dei talenti, ma collabora anche con i tennisti italiani di vertice che hanno scelto uno staff “privato”, mettendo a loro disposizione le professionalità federali, come preparatori atletici, nutrizionisti, mental coach.

Binaghi: «Merito anche della riforma di Sport e Salute»

«La soddisfazione per il percorso compiuto in questi anni è grande – sottolinea Binaghi –. I risultati sportivi, tecnici e organizzativi sono sicuramente il frutto delle riforme che abbiamo fatto, dei risultati dei nostri giocatori e del lavoro delle nostre società sportive e dei nostri dirigenti ma bisogna con onestà ammettere che sono anche la conseguenza della bontà e dell’efficacia della riforma Giorgetti-Valente che con il suo braccio operativo, Sport e Salute, ha dato allo sport italiano riferimenti, risorse e stimoli all’efficienza e alla competitività. Guardiamo ora con ottimismo alle sfide e agli impegni che ci attendono».

E di impegni in effetti ce ne sono molti in calendario. Oltre agli Internazionali d’Italia, la Fit è chiamata a gestire altri tornei di prima fascia: a Torino, dopo quella dello scorso anno, sono in programma altre quattro edizioni delle Nitto Atp Finals; a Milano già da alcune stagioni vanno in scena le Intesa Sanpaolo Next Gen, con i migliori otto tennisti under 21 del mondo; e a Bologna per le prossime 5 edizioni si disputerà uno dei gruppi della Coppa Davis (dal 14 al 18 settembre 2022, alla Unipol Arena). Sempre il Foro Italico, subito dopo gli Internazionali di tennis, dal 23 al 29 maggio, ospiterà il secondo Major del Premier Padel Tour.

La digitalizzazione: streaming e tesseramenti online

Tra le chiavi di volta della gestione Binaghi c’è senz’altro la creazione di Supertennis tv. Lanciata nel 2008 attraverso Sportcast, l’emittente dedicata al tennis oggi è diventata una “app di comunicazione”, fruibile sul canale lineare, ma anche in modalità mobile attraverso lo streaming, in un processo che ha tenuto il passo dello sviluppo tecnologico. In questa direzione, la Fit si è evoluta in una piattaforma in costante dialogo con utenti e tesserati. Tra il 2018 e il 2019 è stata la prima federazione, ad esempio, a consentire il pre-tesseramento online. L’interconnessione costante con l’universo degli appassionati ha permesso di mettere a punto un modello di raccolta dati e di Crm (Customer Relationship Management) evoluto che può trasformarsi in uno strumento di marketing molto efficace per i partner commerciali e allo stesso tempo garantire politiche di impulso alla base, sul versante del ticketing e della pratica sportiva.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti