sperimentazione

Al via i test in Gb per un «vaccino» contro il colesterolo

Alla prima fase del test, che sarà limitata all'Inghilterra, parteciperanno soggetti considerati ad alto rischio di infarto

di Francesca Cerati


default onloading pic
(NikSalivan - stock.adobe.com)

1' di lettura

Entro la fine dell'anno, partirà uno studio clinico “rivoluzionario” su larga scala per testare un nuovo farmaco contro il colesterolo che, dai primi test, sembra essere in grado di dimezzare il valore di quello “cattivo” con appena due iniezioni l'anno, motivo per cui viene definito “vaccino”.

Questa nuova iniezione a base di inclisiran - inibitore del gene chiamatoPCSK9 che permette al fegato di assorbire più colesterolo “cattivo”, sembra funzionare anche nelle persone su cui non funzionano le statine.

Le prove presentate alla European Society of Cardiology lo scorso anno hanno mostrato che la molecola potrebbe dimezzare i livelli di colesterolo cattivo in poche settimane, e questo “gli conferisce -sostiene Kausik Ray, dell'Imperial College di Londra, che ha condotto i test preliminari - un potenziale enorme”, in quanto impedirebbe ogni anno 55.000 infarti e ictus ogni 300.000 pazienti trattati.

Alla prima fase del test, che sarà limitata all'Inghilterra, parteciperanno soggetti che non hanno avuto un evento cardiovascolare grave ma sono considerati ad alto rischio, ma se l'esito sarà giudicato positivo l'utilizzo verrà esteso.

Le prime 40mila persone, spiega la Bbc, verranno trattate quest'anno grazie a un accordo firmato tra il National Health System (Nhs) e l'azienda Novartis.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...