ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùStati Uniti

Alaska, doppio schiaffo a Trump: Peltola batte Palin e al senato vince Murkowski

Sarah Palin, vicina a Trump è stata sconfitta da Mary Peltola, prima nativa al Congresso. Al Senato vittoria di Murkoswsky, senatrice repubblica che aveva votato per condannare Trump

Midterm, Biden: "Incredibilmente contento, ora la Georgia"

2' di lettura

La dem Mary Peltola ha vinto nelle elezioni di Midterm un seggio alla Camera in Alaska battendo l’ex governatrice dello Stato e l’ex candidata a vice presidente (con John McCain) Sarah Palin. Si tratta di un nuovo schiaffo a Donald Trump in Alaska, dopo la rielezione della senatrice repubblicana Lisa Murkowski, che ha sconfitto una candidata sostenuta dal tycoon. Peltola aveva già sbaragliato Palin per lo stesso seggio nelle suppletive di agosto, quando era diventata la prima nativa dell’Alaska al Congresso.

Ora Mary Peltola è stata rieletta mercoledì per un intero mandato di due anni: oltre alla Palin ha sconfitto anche l’altro candidato repubblicano, l’uomo d’affari Nick Begich.

Loading...

L’ex governatrice dell’Alaska, Sarah Palin - ANSA/JUSTIN LANE

In Alaska il sistema elettorale prevede che gli elettori possano elencare i candidati in ordine di preferenza. In ogni tornata di scrutinio, il candidato con la quota di voti più bassa viene eliminato e le schede che lo hanno visto al primo posto vengono ridistribuite. Il candidato con la maggioranza dei voti dopo lo spoglio di tutte le schede vince.

Va detto, precisa l’agenzia Reuters, che Peltola avrebbe vinto anche con il vecchio sistema, avendo ottenuto una significativa maggioranza rispetto a Palin e Begich fin dal primo conteggio.

La Palin, ex governatore, è una figura polarizzante all’interno del partito repubblicano, in quanto la sua corsa alla vicepresidenza nel 2008 è stata un prologo dell’era politica del Tea Party e ha contribuito a spianare la strada a Donald Trump per la conquista della Casa Bianca. Sia Sara Palin che Nick Begich hanno tentato invano un accordo in modo di concentrare i vosti l’uno per l’altro, ma alla fine ognuno ha rifiutato, convinto che la propria corrente conservatrice sarebbe stata più popolare tra gli elettori.

Sull’esito elettorale probabilmente ha influito anche un doppio fattore: l’Alaska ha una delle più alte percentuali di elettori indipendenti del Paese; inoltre Peltola è stata appoggiata dalla senatrice repubblicana moderata Lisa Murkowski, e dallo staff dell’ex rappresentante repubblicano Don Young, predecessore di Peltola.

La senatrice repubblicana Lisa Murkowski - REUTERS/Kerry Tasker

Proprio Lisa Murkowski è stata rieletta al Senato sconfiggendo un’altra candidata repubblicana, Kelly Tshibaka, che era sostenuta dall’ex presidente Donald Trump, il quale, dunque, in Alaska ha incassato un doppio smacco. Murkowski ha battuto Tshibaka nelle elezioni dell’8 novembre ma i cui risultati sono stati resi noti mercoledì. La corsa comprendeva anche il democratico Pat Chesbro e il repubblicano Buzz Kelley, che si sono ritirati però dopo le primarie e hanno appoggiato Tshibaka.

Lisa Murkowski è stata l’unica repubblicana del Senato che ha votato per condannare Trump al suo processo di impeachment l’anno scorso che era al ballottaggio quest’anno. Trump non è stato condannato. Ma il suo voto è stato un punto dolente sollevato da Trump, che aveva promesso di fare una campagna contro di lei.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti