STELLANTIS

Alfa Romeo produrrà in Polonia il suv «Brennero». Fca investe nell’impianto di Tichy

A Tychy anche due e nuovi modelli ibridi ed elettrici di Jeep e Fiat

2' di lettura

Fca ha annunciato «nuovi investimenti strategici in Polonia che porteranno al innovamento dello stabilimento di Tychy dove sarà allestita una linea produttiva per tre nuovi modelli rispettivamente con i marchi Jeep, Fiat e Alfa Romeo». Così un portavoce del gruppo ha confermato i contenuti di un comunicato diffuso sul mercato polacco. La prima vettura, ha aggiunto, «sarà commercializzata nella seconda metà del 2022 e tutti i nuovi modelli saranno alimentati da sistemi sia ibridi che completamente elettrici».

Lo stabilimento di Tychy occupa circa 2.500 persone e attualmente produce la Fiat 500, la 500 Abarth e la Lancia Ypsilon. Nel 2019 l'impianto ha prodotto circa 263 mila veicoli quasi completamente esportati in 58 mercati nel mondo.

Loading...

In particolare a Tichy saranno prodotti: un suv compatto marchio Alfa Romeo, noto finora con il nome Brennero, la compatta di segmento B che rimpiazza la Punto e un modello Jeep di dimensioni ridotte rispetto alla Renagade.

I futuri modelli, che nasceranno sotto l’egida del gruppo Stellantis (Fca + Psa), saranno anche ibridi ed elettrici e sfrutteranno la piattaforma Cmp (Common Modular Platform) sviluppata da Psa, oggi punto di partenza di modelli come Peugeot 208 e Opel Corsa. Oltre a garantire la possibilità di scegliere tra motorizzazioni tradizionali e unità completamente elettriche, l'architettura francese è al centro del piano di condivisione di piattaforme che è uno dei punti cardine del nuovo gruppo Stellantis.

«Auto moderne, ibride ed elettriche dei marchi Jeep, Fiat e Alfa Romeo inizieranno a uscire dalla fabbrica di Tychy nel 2022», ha commentato da parte sua il vice primo ministro polacco Jaroslaw Gowin su Twitter, parlando di un investimento da 755 milioni di zloty (167 milioni di euro).

L'arrivo della nuova Punto su base transalpina combacerà anche con la progressiva uscita di Fca dal segmento A. Nonostante oggi sia la quota di mercato più significativa per il gruppo italo americano, è stato lo stesso amministratore delegato Mike Manley a dichiarare la volontà di abbandonare il segmento delle compatte per puntare a segmenti in grado di produrre maggiori profitti. Passando alle tempistiche, una data per l'addio al segmento delle compatte potrebbe essere il 2024 ma l'emergenza Covid potrebbe cambiare le tempistiche. Il motivo è legato alla maggiore richiesta di mobilità individuale, soluzione che soprattutto nelle grandi città trova la migliore risposta proprio nelle citycar.

Baby suv Alfa su piattaforma Psa

Oltre all'erede della Punto anche il nuovo suv compatto Alfa Romeo sarà prodotto su base Psa. sul quale oggi vengono realizzati modelli come la Peugeot 2008 e l'Opel Mokka. Grazie a questa scelta anche la novità del Biscione potrà avere la sua versione 100% elettrica ma al tempo stesso i tecnici di Arese dovranno assicurarle un piacere di guida all'altezza del marchio sul cofano.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti