IL BISCIONE

Alfa Romeo Stelvio, tutto quello che c'è da sapere sul suv italiano

di Corrado Canali

default onloading pic
(12963)


4' di lettura

Più che i “numeri” a prevalere è la suggestione, per non dire la passione. Un’Alfa Romeo come lo Stelvio si aspetta da 14 anni, da quando al Salone di Ginevra del 2003 fu svelato il concept Kamal, che purtroppo non venne mai prodotto. Ora, invece, è tutto vero: il primo suv del Biscione è oggi una realtà. Certo, non sarà facile trovare spazio in un settore, quello delle vetture a ruota alta - o crossover per dirlo con la denominazione più corretta - che ormai offre molto. E Stelvio deve affrontare concorrenti del calibro di Audi Q5, Bmw X3/X4, Land Rover Discovery Sport, Mercedes Glc/Glc Coupé, Porsche Macan, Range Rover Evoque.

Una sfida difficile che può essere vinta quando c’è entusiasmo, come quello descritto da Roberto Fedeli, il responsabile tecnico del Biscione e di Maserati, tornato in Italia dopo una breve parentesi in Germania, sponda Bmw, per partecipare a una scommessa, quella di riportare l’Alfa Romeo nel posto che si merita, anche solo per la grande tradizione che ha alle spalle. Fedeli, non a caso, ha voluto citare uno dei segreti che hanno consentito di realizzare il “sogno” del primo suv Alfa Romeo, ma in futuro ne arriveranno altri due: sono i mille ingegneri che hanno portato a termine il progetto, ma in particolare quei 250 con meno di 30 anni che hanno accettato, come lui, una sfida che sembrava impossibile.

Certo, siamo solo all’inizio e mancano ancora all’appello molti altri modelli per poter dormire sonni più tranquilli, ma con lo Stelvio, più ancora che con la Giulia (sulla quale Stelvio è basato e che pure resterà sempre la “madre” di tutte le nuove Alfa Romeo) la sensazione è che il brand sia sulla strada giusta per centrare un obiettivo davvero storico. Un primo bilancio si avrà fra poche ore, quando si tireranno le somme del primo “porte aperte” di lancio dello Stelvio, svoltosi in questo fine settimana. Protagoniste le due versioni per ora disponibili: la First Edition con duemila turbo benzina da 280 cavalli, cambio automatico a 8 marce e trazione integrale Q4 e una dotazione unica, ma anche la versione Super con un allestimento comunque completo, oltre all’altra importantissima motorizzazione, il 2.200 cc turbodiesel da 210 cavalli.

La gamma sarà completata nei prossimi mesi e dopo la passerella al Salone di Ginevra (9-19 marzo) con altri motori, tra cui il due litri turbo benzina da 200 cv e il diesel 2.2 nella variante da 180 cv, entrambi con cambio automatico a 8 marce e trazione integrale Q4. Inoltre, il 2.2 diesel da 180 cv sarà disponibile anche con la sola trazione posteriore. Infine, per la fine dell’anno è prevista la disponibilità dello Stelvio con il motore più potente, il V6 3.2 litri da 510 cv della Quadrifoglio, offerto solo con la trazione integrale Q4. Per tutti, sempre e solo cambio automatico a 8 rapporti e trazione integrale Q4.

Lo Stelvio è davvero l’Alfa che non c’era, visto che assicura una completa sensazione di controllo e di dominio della strada - come abbiamo potuto apprezzare in un breve contatto su strada - ma con la posizione di guida più elevata, che nulla toglie al piacere di guida tipico di una vettura sportiva come un’Alfa Romeo. E di fatto il comportamento dinamico è assimilabile a quello, ottimo, della Giulia. Inoltre, a bordo dello Stelvio la sensazione di benessere è evidente, grazie al climatizzatore bizona, a un impianto audio che, a seconda degli allestimenti, può essere dotato di 8, 10 o 14 altoparlanti, quest’ultimo firmato Harman/Kardon. Si poteva, tuttavia, offrire di più e di meglio in fatto di infotainment.

Alfa Romeo Stelvio, tutte le foto del debutto in strada

Alfa Romeo Stelvio, tutte le foto del debutto in strada

Photogallery24 foto

Visualizza

Lo Stelvio è offerto in tre livelli di allestimento: Business, Super ed Executive. La dotazione di serie include cerchi in lega da 17 pollici, il sistema Alfa Connect con display da 6,5”, il selettore Alfa Rotary, l’impianto audio con 8 altoparlanti, i sedili in tessuto nero e quelli anteriori con 6 regolazioni, più tutte le dotazioni di sicurezza che oggi vanno per la maggiore. Grande, poi, è, l’attenzione per il mondo delle flotte con lo sviluppo di un allestimento specifico Business, pensato per questa tipologia di clientela. Disponibile soltanto con la motorizzazione diesel da 210 cv, è equipaggiato con il sistema Alfa Connect 2D Nav 6,5”, i fari bi-xenon con tecnologia Afs, i fendinebbia a Led e gli specchietti ripiegabili elettricamente. Anche in tema di personalizzazioni lo Stelvio è ben attrezzato: per i livelli di allestimento Super ed Executive sono disponibili il Pack Lusso e il Pack Sport.

Infine, i prezzi, per ora delle versioni di lancio: la duemila turbo a benzina da 280 cv costa in allestimento Super poco meno di 53mila euro, mentre la First Edition con lo stesso motore va oltre i 57mila euro. Il 2.2 turbodiesel da 210 cv, invece, è in vendita a 50.800 euro in versione Business, a 51.250 euro nel livello Super e a 54mila euro in quello Executive.
• Vai al listino prezzi

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti