ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di più’Test drive

Alfa Romeo Tonale, la prova sul strada del primo suv ibrido del Biscione

Il nuovo modello costruito a Pomigliano è il primo, e fondamentale, tassello del rilancio del marchio in seno a Stellantis. Vanta finalmente qualità costruttiva e tecnologie all’altezza dei competitor. Sotto il cofano motori a basse emissioni da 130 e 160 cv

di Mario Cianflone

4' di lettura

Ha un compito difficile: quello di risollevare con orgoglio le sorti del marchio italiano e per farlo punta su qualità costruttiva, piacere di guida e tecnologia. Ecco Alfa Tonale, il primo C-Suv del Biscione che, atteso da anni, è anche la prima vettura ibrida della marca italiana del gruppo Stellantis. Tonale, nella gamma prevista al lancio , offre un 1.5 benzina declinato in due livelli di potenza: 130 e 160 cavalli con 240 Nm di coppia.

La versione meno potente è tale e quale quella montata su Jeep Renegade, Compass e Fiat 500 X, vetture dalle quali la nuova Alfa eredita la non giovane piattaforma che, però, è stata rivista e corretta, soprattutto sul fronte sospensioni, per offrire handling e sensazioni di guida da vera Alfa Romeo. Sono state introdotte soluzioni tecniche per “alfizzare” una base nata per vetture dal carattere non certo sportivo. Troviamo, infatti, sistemi quali il brake by wire per la frenata rigenerativa, il dynamic torque vectoring e le sospensioni elettroniche. La seconda unità, invece, è un’esclusiva Alfa, e vanta un turbo a geometria variabile.

Loading...

Lo stile è molto conservatore e la vettura è costruita sulla piattaforma riveduta, corretta e «alfizzata» di Jeep Compass. Il sistema ibrido a 48 Volt genera trazione anche quando il motore termico è spento. Tutti gli allestimenti offrono una dotazione completa e per molti versi superiore ai concorrenti

L’ibridizzazione, che anticipa il futuro full electric del brand, avviene tramite un motore elettrico 48V da 15 kW e 55 Nm che inserito nel cambio automatico a doppia frizione, è in grado di fornire motricità alle ruote anche quando il propulsore a combustione interna è spento grazie alla batteria a ioni di litio con una potenza di 22 kW e una capacità di 0,8 kWh. Per questo motivo i propulsori ibridi di Tonale esibiscono un funzionamento che è e una via di mezzo tra il mild e il full hybrid.

Abbiamo provato Tonale sulle strade tra Como e Varese. Il primo impatto con la vettura, lunga 4,53 metri, larga 1,84 e alta 1,60, è decisamente positivo: lo stile è gradevole, fin troppo conservatore. Non esibisce effetti speciali e guizzi di fantasia con il classico e immutabile trilobo che domina il frontale. Tonale è molto simile al concept del 2019 e con qualche dettaglio che evidenzia la parentela con altri modelli basati su piattaforma Small Wide. Notevole la qualità della verniciatura dell’assemblaggio tra lamierati e pannelli. A bordo, poi, c’è una sorpresa. La qualità è, finalmente, molto alta (e qui c’è tutta la promessa dell’Alfa Romeo guidata da Jean-Philippe Imparato che ha messo sotto pressione la fabbrica di Pomigliano) e non parliamo solo di materiali belli (come l’Alcantara), ma di accoppiamenti senza sbavature tra pannelli, rumorini vari e debolezze negli incastri.

Alfa Romeo Tonale, le foto dal vivo: ecco come è in strada

Alfa Romeo Tonale, le foto dal vivo: ecco come è in strada

Photogallery30 foto

Visualizza

La gamma di Tonale è organizzata in modo semplice: quattro allestimenti che si incastrano con due motorizzazioni mild hybrid (in attesa della plug-in che arriverà a ottobre). I livelli di trim sono Super, Sprint, Speciale , Ti e Veloce. La versione 160 cv si ottiene solo con le varianti top. I prezzi vanno a 35.500 a 44.800. Non è regalata, non fa sconti perché Alfa ora deve fare margini e non regali, ma la dotazione è molto completa (solo nella versione base manca la telecamera posteriore) ma di serie c’è il keyless (i competitor tedeschi se lo fanno pagare quasi sempre) e il colore base senza sovrapprezzo è un bel rosso Alfa. E ci sono cose fondamentali come Car play e Android Auto. Con questa dotazione Tonale dovrà vedersela con concorrenti come Audi Q3 Sportback, Bmw X2, Cupra Formentor, Lexus Ux, Mazda Cx30, Mercedes GLA e Volvo Xc40.

Alfa Romeo Tonale utilizza l'assistente vocale Alexa di Amazon e l'auto si integra con la domotica.

Al volante, abbiamo provato la versione Veloce da 160 cavalli, che vanta anche le palette al volante. Il regno delle emozioni forti non abita qui, la Tonale è certamente una vera Alfa Romeo ma è anche diversa e innovativa: non è una vettura per partenze fulminee, ma un elegante suv di taglia urbana, gradevole al volante e che guidatore e passeggeri sentono tagliato addosso.

Alla guida di più che la prestazione pura e l’adrenalina contano comfort, voglia di stare a bordo, poca sensibilità allo stress del traffico e dinamica di marcia agile e snella. Del resto i numeri lo dicono: 0 - 100 km/h in 8,8 secondi e una velocità massima è di 210 km/h. Il 130 cavalli è, invece, meno scattante: a cento orari arriva in 9.9 secondi e tocca i 195. Lo sterzo è diretto ma si è dimostrato agile e leggero. Alcuni alfisti duri e puri potrebbero storcere il naso, ma in realtà è stata fatta una scelta sensata nella taratura che porta a un compromesso ragionevole. Tonale, infatti, è destinata a ogni tipo di utente e punta alle flotte.

Una capitolo a parte merita la tecnologia di bordo. Tonale è la prima vettura con certificazione NFC che permette di mantener alto il valore residuo. Il cluster strumenti è digitale con un display da 12.3” incastonato nell’iconico cannocchiale Alfa Romeo. L’infotainment a centro plancia vanta uno schermo da 10.25” ed è basato sul sistema operativo Android Automotive di Google. L’assistente vocale è Alexa di Amazon: una scelta furba perché funziona bene ed è integrato con la domotica. Con Alexa si attivano funzioni vehicle to home e si può anche usare l’auto come se fosse un locker di Amazon . Scelta promossa. Da bocciare, invece, il software di navigazione: Alfa Romeo ha optato per TomTom anziché scegliere Google Maps che è decisamente migliore e immerso nella nostra vita digitale.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti