ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùFintech

Alibaba, Jack Ma rinuncia al controllo di Ant Group

Il fondatore non avrà più il controllo del gigante fintech

(AFP)

1' di lettura

Come anticipato qualche mese fa dal Wall Street Journal, Jack Ma ha rinunciato al controllo del colosso cinese Ant Group. Lo ha annunciato la stessa società spiegando che modificherà la sua struttura azionaria in modo che il suo fondatore non abbia più il controllo del gigante fintech. «Nessun azionista, solo o con altre parti, avrà il controllo di Ant Group» dopo il completamento dell’adeguamento, ha spiegato l’azienda in una nota.

Ex insegnante di inglese, Ma possedeva in precedenza più del 50% dei diritti di voto in Ant, ma con i cambiamenti la sua quota scenderà al 6,2%, secondo i calcoli di Reuters.
Ma possiede solo una quota del 10% in Ant, un’affiliata del gigante dell’e-commerce Alibaba Group Holding Ltd, ma ha esercitato il controllo sulla società attraverso entità collegate, secondo il prospetto dell’Ipo da 37 miliardi di Ant depositato presso le borse nel 2020 poi annullata all’ultimo minuto nel novembre 2020.Hangzhou Yunbo, un veicolo di investimento di Ma, aveva il controllo su altre due entità che possiedono complessivamente il 50,5% di Ant, come risulta dal prospetto.

Loading...

La cessione del controllo da parte di Ma arriva mentre Ant sta per completare la sua ristrutturazione, durata due anni e guidata dalla normativa, con le autorità cinesi pronte a imporre una multa di oltre 1 miliardo di dollari all’azienda. La sanzione prevista fa parte dell’ampio e senza precedenti giro di vite di Pechino sui titani tecnologici del Paese negli ultimi due anni, che ha tagliato centinaia di miliardi di dollari dal loro valore e ridotto ricavi e profitti.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti