nuovo incontro con i sindacati

Alitalia, azienda chiede aumento produttività. Verso taglio salari

(ANSA )

3' di lettura

Un intervento sulla produttività agendo sui riposi nei quattro mesi estivi per il personale navigante. È la richiesta avanzata dai commissari di Alitalia ai sindacati nel corso dell’incontro che si è svolto a Fiumicino sul rinnovo del contratto. C'è inoltre l’ipotesi di tagli alle retribuzioni sempre per piloti e assistenti di volo: l’azienda infatti, hanno riferito dai sindacati, ha preannunciato un possibile intervento sul lato retributivo che verrà illustrato
in un prossimo incontro fissato per giovedì 15 giugno.

Per quanto riguarda la produttività, in particolare,
l’incremento avverrà attraverso una riduzione dei riposi mensili da 10 a 8 che però avverrebbe senza compensazione economica (con l’attuale contratto i riposi possono già essere ridotti, ma il dipendente può scegliere che i giorni in meno vengano retribuiti
o restituiti nel trimestre successivo). È inoltre emerso che l’azienda continuerà ad applicare il contratto scaduto a fine anno e prorogato fino al 31 maggio.

Loading...

Le critiche dei sindacati
«Ci hanno chiesto un incremento di produttività basato su due riposi in meno senza compensazione economica per il periodo estivo in particolare sulla parte volo, mentre la prossima settimana dovrebbero aggiungere una proposta
sul lato retributivo», ha riferito il segretario nazionale della Filt Cgil Nino Cortorillo, che ha aggiunto: «Se ci sono possibilità di usare la flessibilità durante il periodo estivo che permettano all'azienda di fare ricavi siamo d'accordo, ma se questo viene fatto solo attraverso giornate lavorative non pagate si scontra
con un fatto che non possiamo accettare». Per il segretario generale della Uiltrasporti Claudio Tarlazzi, un taglio degli stipendi sarebbe«non opportuno: le necessità di tagliare pesantemente i salari non ci devono essere». Per quanto riguarda le offerte arrivate per la compagnia, Tarlazzi ha sottolineato
che «vanno scongiurate ipotesi di fondi equity e low cost».

Il nodo cassa integrazione per oltre 300 addetti
Ieri sindacati e azienda sono andati al ministero del Lavoro per l'esame congiunto delle procedure: nella prima fase l'azienda ha proposto il ricorso alla Cigs per 1.358 dipendenti: 190 piloti, 340 assistenti di volo e 828 dipendenti di terra (tra cui 317 in cassa a zero ore). Gli incontri proseguiranno lunedì e martedì in sede aziendale e il 16 al ministero del lavoro, per chiudere la procedura entro il termine del 19 giugno. Per i piloti è prevista la cassa integrazione a rotazione che va da un minimo di un giorno e mezzo fino a 5 giorni medi al mese, per gli assistenti di volo da 2 giorni e mezzo a 4 giorni al mese. L'accordo con il sindacato non è vincolante, e non sembra alla portata. Il sindacato teme che se Alitalia venisse ceduta, le 317 posizioni di lavoro sarebbero le prime ad essere cancellate. Per la Cig a zero ore è coinvolto anzitutto il personale dell'Information e Technology (135), dell'Operation (70) e della Direzione commerciale (46).

Dopo manifestazioni interesse si apre “data room
La prossima settimana, dopo la valutazione delle 32 manifestazioni di interesse per Alitalia che servirà ad individuare i soggetti in possesso dei requisiti richiesti dall'avviso (intorno al 15) si aprirà la “data room” che durerà per 4-6 settimane. Proprio per fare il punto della situazione ieri pomeriggio due commissari, Luigi Gubitosi e Stefano Paleari, sono andati al Mise per incontrarsi con il ministro Carlo Calenda (Sviluppo economico). Lufthansa e Ryanair, almeno nelle dichiarazioni, puntano ad acquisire singoli asset della compagnia (rotte, aerei), mentre il piano del governo e dei commissari privilegia l’opzione della vendita in blocco, dopo aver ripulito la compagnia dei sovraccosti.

Da Bruxelles mini-apertura, resta tetto 49% extra Ue
Dalla Ue è arrivata oggi una mini-apertura nelle attese linee guida per la valutazione delle acquisizioni dei vettori Ue. Resta l’obbligo di proprietà del
51% in mani europee di una compagnia aerea Ue, confermando così la soglia massima del 49% per un investitore extra-Ue, ma si aprono spazi di manovra grazie alla definizione più precisa dei criteri di valutazione di Bruxelles su controllo e proprietà. Una misura su cui aveva sperato soprattutto il Governo italiano in chiave Alitalia. E che delude il ministro dei trasporti Graziano Delrio, che aveva definito «ormai irrealistica» la soglia del 49%. «Non prevediamo nessun cambiamento a questo punto», ha ribadito la commissaria ai Trasporti, Violeta Bulc. «Registro questo come un fatto non positivo, auspicavo un’altra soluzione», è stato il commento del ministro, che però ha rassicurato sui destini della compagnia italiana: “per Alitalia non credo cambierà niente».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti