Impatto Coronavirus

Alitalia cancella il volo per New York: andata (via Parigi) a partire da 1.806 euro

Sospeso fino al 31 maggio l’unico collegamento tra Roma e gli Stati Uniti. Alitalia vende voli per New York via Parigi con Air France

di Gianni Dragoni

Coronavirus, Alitalia: crollo verticale dei ricavi per lockdown

Sospeso fino al 31 maggio l’unico collegamento tra Roma e gli Stati Uniti. Alitalia vende voli per New York via Parigi con Air France


4' di lettura

Alitalia ha cancellato il volo diretto Roma-New York, l’unico intercontinentale rimasto dopo la riduzione di attività decisa in seguito al crollo del traffico per il Coronavirus. Il volo è stato sospeso da oggi fino al 31 maggio. Per volare da Roma a New York il sito di Alitalia indirizza i passeggeri via Parigi, con Air France. Un biglietto di sola andata costa da un minimo di 1.806 euro a un massimo di 3.500.

Decisione a sorpresa
La chiusura del volo è una sorpresa, perché proprio pochi giorni fa, il 29 aprile, il commissario della compagnia, Giuseppe Leogrande, per spiegare alla commissione Trasporti della Camera la ridotta attività di Alitalia, aveva detto che «nella settimana dal 27 aprile al 4 maggio sono previsti 49 voli giornalieri, uno solo intercontinentale, per New York».

Leggi anche / Le compagnie aeree tagliano migliaia di posti tra i dipendenti

La critica dei sindacati
Sono stati i sindacati, prima la Fit-Cisl e poi altre sigle, a rivelare che il volo è stato sospeso, definendo la decisione «un errore». Solo ieri pomeriggio la compagnia ha confermato di «aver proceduto alla sospensione del collegamento Roma Fiumicino - New York JFK dal 5 al 31 maggio a causa del forte rallentamento della domanda registrato negli ultimi dieci giorni di aprile e del preoccupante livello di casistica positiva al Covid-19 persistente a New York».

Solo 580 passeggeri in 11 giorni
Sono solo 580 i passeggeri trasportati nei 18 voli fatti dal 20 al 30 aprile, ha detto la compagnia, «in media 32 a volo». La misura, secondo Alitalia, «oltre che economicamente inevitabile è appropriata anche per la tutela del proprio personale navigante sinora in sosta nella città americana».

Alitalia vende voli via Parigi con Air France
Abbiamo cercato sul sito di Alitalia i voli da Roma a New York (da Malpensa non ci sono più intercontinentali). Il 6 maggio, cioè domani, è in vendita un volo Fiumicino-New York JFK via Parigi Charles De Gaulle, operato da Alitalia da Roma a Parigi con un Airbus 321, poi Air France da Parigi a New York con un Boeing 777. Il viaggio di sola andata costa 1.806,25 euro, in economica, tariffa «economy flex». Per le tariffe più basse (ma sarebbero sempre posti in economica) c’è scritto «posti terminati». Lo stesso volo in «premium economy» è in vendita a 1.864,25 euro. Venerdì 8 maggio stessa tariffa, minimo 1.806,25 euro.

Un volo il 10 maggio costa 3.573,25 euro
Ma ci sono anche tariffe più alte. Domenica 10 maggio il sito di Alitalia propone per andare da Roma a New York lo stesso itinerario via Parigi, al pfezzo di 3.573,25 euro, sola andata. Mercoledì 13 maggio il prezzo del biglietto «scende» a 1.806,25 euro. Venerdì 15 maggio risale a 3.573,25 euro. Domenica 17 maggio il prezzo è di 1.806,25 euro, sempre in economica.

Andata e ritorno
Proviamo con i voli di andata e ritorno. Partenza l’8 maggio da Roma, solito itinerario via Parigi per New York Jfk, il biglietto di andata costa 519,25 euro. Il ritorno il 16 maggio da New York via Parigi e poi Roma costa 2.335,25 euro. Il volo transatlantico è sempre fatto da Air France, quello tra Parigi e Roma da Alitalia. Se compriamo il ritorno il 18 maggio spendiamo 1.301,21 euro. Se poi riusciamo a fermarci nella Grande mela fino al 21 maggio il ritorno, sempre via Parigi, costa “solo” 493,21 euro. Se invece partiamo da Roma il 10 maggio per l’andata, sempre via Parigi, paghiamo 2.481,25 euro. Il ritorno nelle date già indicate può costare da 2.225,21 euro (il 16 maggio) a 1.301,21 euro (il 18 maggio) a 493,21 euro (il 21 maggio).

Leggi anche / Come voleremo dopo il virus? Meno posti, biglietti più cari, imbarchi più lunghi

La protesta di piloti e assistenti di volo
Le sigle sindacali dei naviganti (Anpac, Anpav e Anp), riunite nella Fnta (Federazione nazionale trasporto aereo), hanno inviato una dura lettera di protesta al vertice di Alitalia e ai ministeri dello Sviluppo economico e dei Trasporti. Le associazioni professionali di piloti e assistenti di volo dicono di aver «appreso che Alitalia ha deliberato l’immediata chiusura dell’unico volo, a tutt’oggi operativo, che collega il nostro paese con gli Stati Uniti». La lettera rileva che il sito web della compagnia «a partire dal 5 maggio offre ai passeggeri, come unica possibilità di volare da Roma a New York un volo con scalo obbligato a Parigi affinché il viaggio prosegua poi con voli della compagnia Air France a prezzi peraltro altissimi (tra duemila e tremilacinquecento euro sola andata)».

Anpac e Anpav: «Alitalia subordinata a Air France»
«Questo a riprova _ prosegue la lettera di Anpac, Anpav e Anp _ di come il ruolo di Alitalia nell’ambito dell’alleanza SkyTeam sia ancora, come spesso in passato, subordinato agli interessi di Air France-Klm». Le sigle sindacali definiscono la decisione «inspiegabile e non condivisibile, sia in termini commerciali», perché oltre al traffico passeggeri esiste al momento una forte domanda di cargo, «che di opportunità, perché priva i cittadini italiani dell’unico collegamento diretto ancora esistente tra Italia e Usa dirottando i passeggeri verso Air France-Klm, in evidente controfase rispetto alla missione riservata dal governo per Alitalai».

Per approfondire:
Le compagnie aeree tagliano migliaia di posti tra i dipendenti
Come voleremo dopo il virus? Meno posti, biglietti più cari, imbarchi più lunghi

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti