La crisi del vettore nazionale

Piano Alitalia più duro: i commissari chiedono nuova cigs per 7.086 dipendenti

Gli ammortizzatori sociali richiesti per ulteriori 12 mesi dal 22 settembre 2021 fino al 23 settembre 2022

di Gianni Dragoni

(Imagoeconomica)

2' di lettura

Sempre più cassa integrazione per Alitalia. I commissari della compagnia hanno formalizzato la richiesta di etsensione della cigs per altri 12 mesi, dal 22 settembre prosismo fino al 23 settembre 2021, aumentando il numero di dipendenti che possono essere sospesi: il totale è di 7.086 dipendenti, 258 in più rispetto all’attuale situazione, che preved eun massimo di 6.828 addetti in cigs.

La comunicazione dei commissari

La richiesta è stata inviata da Alitalia-Sai e dalla controllata Cityliner ai sindacati e ai ministeri del Lavoro, dello Sviluppo economico e delle Infrastrutture. Il numero massimo di dipendenti che potranno essere sospesi riguarda tutti i lavoratori delle due società, quidi 9.742 addetti in Alitalia-Sai e 341 in Cityliner. Il calcolo fatto sui lavoratori equivalenti a tempo pieno (Fte) indica invece un massimo di 6.877 addetti per «Sai» e di209 per «City».

Loading...

La divisione tra naviganti e terra

Sul totale, i lavoratori che potranno essere messi in cigs è diviso a metà tra i naviganti e il personale di terra, quindi 3.543 Fte per ogni settore. Sono inclusi anche 458 comandanti e 566 piloti, come Fte, 2.315 assistenti di volo.

Cigs a rotazione e zero ore

«Il programma di cigs sarà attivato mediante il meccanismo della rotazione ovvero, sulla base di esigenze organizzative e produttive, a zero ore», dice la la comunicazione dei commissari.

Il trasferimento del lotto «Aviation» a Ita

La lettera fa solo alcuni cenni al programma che prevede la nascita di Ita, la nuova compagnia pubblica alla quale sarà trasferito con trattativa diretta il settore volo. «In data 15 luglio 2021 si è concluso positivamente il confronto con la Commissione europea sulla costituzione e operatività di Italia Trasporto Aereo (Ita), anche previa acquisizione dalla amministrazione straordinaria degli asset necessari per gestire il settore volo («Aviation»). Alitalia in As, in attesa che vangano concluse le relative gare di assegnazione, potrà erogare servizi di handling e di manutenzione attraverso contratti di fornitura». Nulla si dice sui tempi e sulle modalità di queste gare, né sulla trattativa con Ita.

Flotta diminuita a 85 aerei

Intanto la flotta di Alitalia continua a diminuire. I commissari fanno riferimento al «programma di «fine leasing» che ha riguardato nel corso del mese di febbraio 2021 n. 1 Airbus A330, nel corso del mese di marzo 2021 n. 3 Airbus A319 portando il numero totale di aeromobili attualmente in flotta a 85 unità». La flotta era di 113 aerei a fine 2019. Ita prevede di partire il 15 ottobre con 52 aerei.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti