Attualita

Alitalia, Draghi convoca un vertice a Palazzo Chigi

Secondo alcune fonti sarebbe “imminente una proposta nel segno della discomntinuità”

default onloading pic
(ANSA)

2' di lettura

Il dossier Alitalia arriva sul tavolo del presidente del Consiglio e stamattina - secondo quanto confermano fonti di Palazzo Chigi - si è tenuta una riunione preliminare, alla quale hanno partecipato il presidente del consiglio Mario Draghi e il sottosegretario alla presidenza Roberto Garofoli con i ministri dell'Economia Daniele Franco, delle infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini e dello Sviluppo, Giancarlo Giorgetti. Il tema è all'attenzione del governo.

Le difficoltà di salvare la compagnia sono ben note e sarebbero all’origine della decisione della convocazione da parte del premier Mario Draghi di una riunione con i dicasteri competenti. Al termine bocche cucite e poche indiscrezioni se non un piccolo spunto, confermato da fonti governative: sarebbe imminente una proposta “nel segno della discontinuità”.

Loading...

La ricetta del commissario Leongrande
Un messaggio diretto rivolto alla Commissione europea, che deve dare il via libera al progetto Ita. Martedì è previsto un incontro in videocall con la commissaria Ue alla Concorrenza Margrethe Vestager; l'intenzione dell'esecutivo sarebbe quella di confermare la base del progetto di vettore nazionale vidimata dal Conte 2. Serve però un accorgimento decisivo: come consigliato dal commissario straordinario Giuseppe Leogrande l'idea, considerata ad oggi una strada 'percorribile' da fonti qualificate, è quella di vendere subito a Italia Trasporto Aereo la aviation, cioè mezzo e personale, per permettere alla nuova compagnia di partire in primavera. Solo in seguito, invece, si potrebbe procedere con l'affitto degli altri asset, handling e manutenzione, per poi cederli a gara in un terzo tempo, come chiesto da Bruxelles.

Obiettivo ristori
Il dossier, viene spiegato, sarà approfondito ancora nei prossimi giorni, ma l'impianto di base sembra aver trovato l'approvazione delle forze che compongono la maggioranza. In parallelo è urgente sbloccare i 55 milioni di Ristori Covid, per dare ossigeno alle casse dell'attuale Alitalia. Non bisogna dimenticare che gli stipendi di febbraio saranno pagati in ritardo lunedì, l'Inps ha confermato le indennità integrative per novembre, ma le risorse sono davvero in esaurimento. E i sindacati sono sul piede di guerra, preoccupati che il nuovo corso Ita possa significare altri tagli sul personale.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti