ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLA TRATTATIVA

Alitalia, ecco la lettera di Atlantia con l’aut aut al governo

La lettera inviata dalla società dei Benetton è dedicata alla compagnia aerea, ma la preoccupazione principale riguarda la redditizia concessione di Autostrade per l'Italia, che garantisce centinaia di milioni di euro all'anno di profitti

di Gianni Dragoni


Alitalia, la storia di un salvataggio difficile

1' di lettura

Atlantia non potrà impegnarsi per il salvataggio di Alitalia se non finirà “l’incertezza” sul mantenimento della concessione ad Autostrade per l’Italia, sua controllata. È questo il cuore del messaggio che i vertici della società dei Benetton hanno fatto arrivare al governo, con una lettera inviata il 2 ottobre al ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli.

La lettera di Atlantia al ministro dello Sviluppo economico Patuanelli

Visualizza

GUARDA IL VIDEO - Alitalia, la storia di un salvataggio difficile

La lettera, di cui pubblichiamo il testo integrale, è dedicata ad Alitalia, ma la preoccupazione principale riguarda la redditizia concessione di Autostrade per l’Italia, che garantisce centinaia di milioni di euro all’anno di profitti.

La concessione dura fino al 2038, però per volontà del M5S il precedente governo ha avviato «il procedimento di caducazione», come ha ricordato il premier, Giuseppe Conte, il primo ottobre.

Secondo Atlantia il piano industriale di Alitalia, predisposto da Fs e Delta Airlines, i potenziali partner con cui la società dei Benetton dovrebbe formare la Newco Nuova Alitalia, «consente (...) al più un rischioso salvataggio con esiti limitati nel tempo» e non un rilancio. Atlantia afferma che Delta «non sembra interessata a prendere in considerazione» il ruolo di partner industriale di lungo termine.

Poi l’affondo decisivo. «(...) un eventuale intervento di Atlantia non potrà non tener conto della situazione complessiva del gruppo. Il permanere di una situazione di incertezza in merito ad Autostrade per l’Italia, infatti, o ancor più l’avvio di un provvedimento di caducazione di cui si legge sugli organi di stampa, non consentirebbero infatti alla scrivente società (...) di impegnarsi in un’operazione onerosa di complessa gestione ed elevato rischio (...)».

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Gianni DragoniCaporedattore, inviato

    Luogo: Roma

    Lingue parlate: italiano, inglese, francese

    Argomenti: economia, finanza, industria aerospazio, difesa, industria ferroviaria, trasporto aereo, grandi aziende pubbliche, privatizzazioni, bilanci società di calcio, stipendi manager, governance società quotate, conflitti d'interesse

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...