incontro con i sindacati

Alitalia, Patuanelli: non vogliamo regalarla a Lufthansa

Mercoledì 18 il commissario unico Giuseppe Leogrande entrerà in azienda. «Non c'è pasta precotta. Incontrerò Delta che me lo ha chiesto e chiunque me lo chiederà»

Alitalia, ecco le condizioni di Lufthansa

Mercoledì 18 il commissario unico Giuseppe Leogrande entrerà in azienda. «Non c'è pasta precotta. Incontrerò Delta che me lo ha chiesto e chiunque me lo chiederà»


2' di lettura

«Al commissario ho dato il mandato per trovare le migliori soluzioni per il rilancio di Alitalia». Così il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, al tavolo con i sindacati. «Ho incontrato una sola volta i vertici di Lufthansa, in quell'incontro hanno ribadito la disponibilità a un accordo commerciale ma non a rilevare Alitalia. Non si può dire che vogliamo regalare Alitalia a Lufthansa. Non ho dato mandato a cederla a Lufthansa».

«Commissario unico la sola strada»
«L'unica strada possibile» era quella di aprire una nuova procedura di gara con un commissario unico, altrimenti c'era solo il fallimento». Per Patuanelli adesso l'obiettivo del commissario è - secondo quanto avrebbe spiegato il ministro - «migliorare il conto economico della società, che grazie ai lavoratori garantisce entrate migliori di altre compagnie. Il problema sono i costi». Non quelli del lavoro in ogni caso («dovranno essere tutelati i massimi livelli occupazionali»). Ai rappresentanti delle sigle viene ribadita la volontà dell'esecutivo. Quella di Alitalia «non è una situazione semplice, ci sono criticità da affrontare in modo serio», partendo dal fatto che «non prendo in considerazione l'idea di mettere aerei a terra». Ma il governo «darà tutta la collaborazione possibile per individuare le modalità di rilancio della compagnia e non per salvarla come e stato fatto fino a ora».

Leogrande entra in azienda
Mercoledì 18 il commissario unico Giuseppe Leogrande entrerà operativamente nella compagnia. «Ho sempre trovato collaborazione dai sindacati e siamo sempre riusciti ad arrivare in fondo. Chi mi conosce sa che non faccio disastri», spiega il commissario unico per il quale Alitalia sta «dentro una procedura già iniziata: ora dobbiamo cominciare a ragionare sull'uscita dalla procedura». Quanto a un eventuale intervento di nazionalizzazione, questo nelle parole del commissario «va quantomeno studiato».

Furlan: non si è parlato di esuberi o spezzatini
«Non hanno dichiarato esuberi o spacchettamenti». A chiarirlo è la segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan uscendo dal tavolo su Alitalia al ministero dello Sviluppo economico. «Patuanelli ci ha spiegato che le indiscrezioni circolate in questi giorni non si basano sulla reale volontà del governo». Quest'anno «nonostante le difficoltà i voli sono aumentati e l'azienda ha dimostrato di essere capace di far volare le persone, pur essendo commissariata» secondo il segretario generale della Cgil Maurizio Landini. «Credo che sia interesse di Alitalia, il commissario e il governo non andare con il cappello in mano da nessuno e trattare alla pari con i soggetti, valutando le proposte che vengano avanzate».

Per approfondire

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti