delrio: buone offerte anche con 49%

Alitalia, sindacati: mantenere integro perimetro aziendale

(ANSA)

2' di lettura

Mantenere integro il perimetro aziendale di Alitalia ed evitare nuovi tagli del personale perchè il vero problema della compagnia aerea non è il costo del lavoro ma gli errori sul fronte industriale con la concentrazione del business per l'80% sul breve e medio raggio. È quanto hanno spiegato i sindacati dei trasporti oggi in una audizione al Senato sulla situazione di Alitalia in vista della vendita. Ieri si è saputo che sono circa una dozzina le aziende tra quelle che hanno presentato manifestazioni di interesse che accederanno alla fase due, ovvero alla data room per visionare i conti della compagnia.

«Soluzione di carattere industriale»
«Quello che stanno facendo i commissari ora - ha detto il segretario generale Uilt Claudio Tarlazzi - avrebbero dovuto farlo gli amministratori, hanno avuto anni». «Il Paese ha bisogno di una compagnia di interesse nazionale - ha sottolineato il numero uno della Filt, Nino Cortorillo - vorremmo investitori di carattere industriale che siano interessati all'intero perimetro industriale». «È stata ribadita l'importanza e la necessità - ha aggiunto Emiliano Fiorentino, segretario nazionale della Fit-Cisl- di regole di sistema certe e che siano rispettate da tutti, perché, nonostante l'egregio lavoro che i Commissari di Alitalia stanno facendo e relativamente al quale noi tutti auspichiamo la vendita dell'azienda nella sua interezza, se alla risoluzione di una così delicata vertenza non seguirà un intervento regolatore, tra pochissimi anni ci ritroveremo nella stessa situazione di oggi».

Loading...

«Importanza di investimenti su lungo raggio»
All'audizione hanno partecipato anche Ugl, Anpav e Anpac che ha sottolineato «l'incapacità manageriale» che ha puntato sul trasporto degli italiani all'estero più che su un'attività di marketing per attirare gli stranieri in Italia. I sindacati hanno ribadito inoltre l'importanza degli investimenti sul lungo raggio dato che la compagnia è sbilanciata sui voli a medio e corto raggio dove c'è una forte competizione con le compagnie low cost e con l'alta velocità.

Delrio: buone offerte anche con vincolo 49%
Da Cagliari, dove ha compiuto un sopralluogo per il G7 dei Trasporti, il ministro Graziano Delrio ha spiegato che «non è il vincolo del 49% che potrà far decidere per una soluzione ottimale per Alitalia, ci possono essere ottime soluzioni per la compagnia anche rimanendo nel limite del 49%, questo deve essere molto chiaro». « Il lavoro dei commissari è buono - ha confermato il ministro - abbiamo ricevuto molte offerte, sembrava che Alitalia non la volesse nessuno e invece non è così perché il settore aereo è un settore in crescita».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti