Fiere

Alla Bit di Milano il turismo cerca la ripartenza

Torna la manifestazione dedicata al settore: tre giorni di convegni e incontri sui nuovi trend

(Kirk Fisher - stock.adobe.com)

2' di lettura

Era atteso dal settore come l’anno della ripartenza: dopo due anni difficili a causa della pandemia, il 2022 doveva segnare la ripresa anche delle rotte internazionali legate al turismo. La guerra tra Russia e Ucraina è arrivata come una doccia fredda a gelare le attese degli operatori, che per tre giorni (dal 10 al 12 aprile) si torveranno alla fiera Bit di Milano per osservare i nuovi trend e ragionare sulle prospettive del settore.

In totale sono più oltre mille gli espositori (15% dall'estero da 35 paesi) che occuperanno gli spazi di Fiera Milano. Il programma di incoming buyer porterà a Milano operatori altamente profilati da 47 Paesi, in rappresentanza di tutte le tipologie più rilevanti, in particolare da Europa (36%) e Nord America (16%), oltre che da Centro e Sud America, Medio Oriente e Africa. Tra i Paesi top per provenienza, Stati Uniti, Brasile, Emirati Arabi, Argentina, Germania, Paesi Bassi, Spagna.

Loading...

Anche quest'anno gli strascichi della pandemia e le incertezze internazionali portano a riscoprire le vacanze di prossimità all'aria aperta. Località nel verde, lontane dalla folla, tra arte, tradizione, buona cucina e relax.

Tra le Regioni che porteranno le loro proposte slow e sostenibili, a Milano saranno prezenti Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto.

Innovazione e sostenibilità si confermano come i leitmotiv di Bit 2022 anche nell’offerta internazionale: dai parchi e le esperienze naturalistiche dei nostri vicini europei come Canarie, Formentera, Germania, Grecia, Malta, Romania, San Marino, e Slovenia, ai resort ecosostenibili nei Mari del Sud di Cuba, Maldive, Malaysia, Mauritius, Thailandia. E poi le escursioni in Egitto, Giordania, India, Iran, Israele o Marocco, o le vacanze socialmente responsabili in Brasile o Cile, con una menzione particolare per i “great outdoors” americani, rappresentati da Visit Usa.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti