Atelier

Alla scoperta delle dolci trame di Siena

Una boutique multibrand con un occhio di riguardo per il made in Italy, che da bottega artigianale si è trasformata in negozio atelier

di Lisa Corva

T-shirt SIDA charity, MAISON MARGIELA (290 €), giacca in pelle, MAISON MARGIELA (3.390 €). Top, ANN DEMEULEMEESTER(320 €). Top off-the-runway, RICK OWENS (175 €). Gonna plissé, PLAN C (920 €). Stivaletti Tabi, MAISON MARGIELA (720 €).

2' di lettura

Incastonato in una città gioiello, Dolci Trame è a pochi passi da Piazza del Campo, a Siena. «È nato nel 1988, come negozio e laboratorio di moda, dove venivano creati capi di maglieria diversi dal solito, sperimentali – racconta la proprietaria, Elisabetta Teri – Il nome ci piaceva e l'abbiamo mantenuto anche nel momento in cui abbiamo trasformato il negozio-atelier in una boutique multibrand».

Nelle loro scelte c'è un'attenzione importantissima al made in Italy. Lo dimostrano i brand sui quali puntano. «In questo momento, ci interessa molto Plan C, disegnato a Milano da Carolina Castiglioni (da 170 euro per le T-shirt, fino a 1.350 euro per i capispalla). Aggiungiamo le sciarpe di Faliero Sarti (da 135 a 600 euro), i capispalla, le giacche, le camicie e i pantaloni di Barena Venezia (da 200 a 900 euro). Gli abiti e i soprabiti di forte_forte, un sogno di tessuti e femminilità (accessori da 85 euro, abiti fino a 800 euro)».

Loading...

Teri suggerisce anche qualche capo speciale su cui puntare per la prossima stagione. «Un cappotto su tutti: il Neha Double Wool Coat di Jil Sander (2.750 euro), in lana arancio, made in Italy, lungo, senza fodera, con orlo dritto. Per essere avvolti dalla morbidezza del materiale, grazie alla forma e al colore mai banale. Ci piace anche il Cotton Oxford Coat di Sacai (2.425 euro), che parte da un'idea jap del capo, in misto cotone e nylon, color kaki. Ha una chiusura con zip nascosta a doppio cursore, bottoni automatici sul davanti e finiture in gros-grain verde scuro sul petto». Teri consiglia anche degli stivali, «come gli Isa Boots di Wandler (685 euro). Alti al ginocchio, neri, realizzati in pelle italiana liscia, con una forma architettonica audace grazie all'elegante punta quadrata e al tacco alto. E gli iconici Tabi Boots di Maison Margiela (790 euro), stivaletti alla caviglia ripensati, per questa stagione, con un nuovo tacco».

Alcuni pezzi della nuova collezione AI 2020 presente in negozio, tra cui, sopra, il cappotto di JILSANDER. L'allestimento della boutique è a cura di Secrétaire.

Tra tutte le collezioni scelte per la boutique, c'è un capo del cuore? «Qualsiasi cosa di Maison Margiela o di Isabel Marant: sono i due marchi con i quali abbiamo trasformato il negozio in un multibrand dedicato al lusso di ricerca».

Riproduzione riservata ©

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti