INNOVAZIONE

Alleanza fra Toyota, Intel ed Ericsonn per la guida autonoma


default onloading pic
(AP)

1' di lettura

Il business dell'auto a guida autonoma comincia a interessare anche Intel. Il gigante americano dei chip ha, infatti, annunciato l'intenzione di testare una flotta di circa 100 auto senza guidatore che a partire da quest'anno saranno messe in circolazione sulle strade di Europa, Stati Uniti ed Israele. L'annuncio è arrivato dopo aver finalizzato l'acquisizione da 15 miliardi di dollari di Mobileye, la società israeliana specializzata nei sistemi di anti-collissione. Ad affiancare Intel in questo progetto ci sarà anche il costruttore automobilistico giapponese Toyota che contestualmente ha annunciato la formazione di un consorzio dedicato allo sviluppo dell'auto a guida autonoma.

Nel consorzio oltre alle Intel e Toyota, entreranno anche la giapponese NTT Docomo e la svedese Ericsson. Si stima che il volume dei dati tra veicoli e cloud raggiungerà 10 exabytes al mese intorno al 2025, circa 10.000 volte più dell'attuale volume.

Un così consistente aumento renderà necessarie allestire nuove infrastrutture di rete e di calcolo per supportare le risorse distribuite. Le architetture dovranno essere conformi agli standard applicabili che richiedono una collaborazione su scala locale e globale.

Il consorzio si concentrerà poi sull'aumento della capacità della rete per accogliere la massa di dati automobilistici suddivisi tra i veicoli e il cloud mediante la progettazione di una rete ancora più efficiente. Nei prossimi mesi, infine, le società già partecipano al consorzio lavoreranno per ampliare il numero di operatori tecnologici presenti.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...