sicurezza

Allerta terrorismo, Viminale intensifica vigilanza per Pasqua

di Andrea Gagliardi

2' di lettura

Intensificare le misure di vigilanza sugli obiettivi a rischio ed i luoghi che registrano particolare afflusso di turisti: porti, aeroporti e stazioni. È questa l’indicazione della riunione, presieduta dal ministro dell’Interno, Marco Minniti, del Comitato di analisi strategica antiterrorismo (Casa), convocata per predisporre le attività straordinarie di vigilanza e controllo in vista di Pasqua, con particolare attenzione alle cerimonie legate alla Settimana Santa. L’obiettivo è «assicurare la massima efficacia dei dispositivi di prevenzione e controllo del territorio» . In particolare dopo i recenti attentati in Svezia ed Egitto.

Pasqua: a Roma telecamere e cani antiesplosivo
L’allerta è massima a Roma. In base al piano di sicurezza illustrato oggi nel corso di un Tavolo tecnico in questura presieduto dal questore Guido Marino, nella Capitale saranno in campo anche squadre di artificieri e unità cinofile anti-esplosivo di polizia e carabinieri per bonificare tutte le zone interessate dalle varie iniziative delle festività di Pasqua. Tutte le aree saranno monitorate con un piano di video-sorveglianza.

Loading...

Centro storico supervigilato
Il centro storico di Roma sarà super sorvegliato, con un rafforzamento dei controlli dei varchi di accesso, sia per auto che per mezzi pesanti adibiti al carico e scarico merci. Sotto osservazione anche le zone in cui si svolgeranno gli eventi religiosi con il Pontefice, come l’area del Colosseo )dove sarà previsto un doppio filtro di controlli) in occasione della via Crucis di venerdì sera e piazza San Pietro per la messa di domenica. Ad essere vigilate non saranno solo le basiliche più importanti, ma anche le chiese della periferia. Presidiati, per questo, anche aeroporti, porti, stazioni e snodi autostradali. Controlli accurati nelle principali vie dello shopping (dove si riverseranno romani e turisti), ai mezzi pesanti, utilizzati in più di un recente attentato all’estero per travolgere la folla, nonché a tutti i luoghi in cui si radunerà la folla per assistere alle funzioni religiose.

A Pasqua gli arrivi non decollano nella capitale
Dai dati previsionali di Federalberghi sulle
vacanze pasquali degli italiani emerge che sono quasi 10 milioni gli italiani che hanno programmato di mettersi in viaggio per la Pasqua 2017, con un incremento del 2,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il 93% sceglierà di rimanere in Italia mentre il restante 7% opterà per una località estera. Le aspettative degli operatori per Pasqua a Roma però sono stazionarie per Roma, nonostante il periodo sia l’anticipazione dell’alta stagione turistica per Roma. A pesare sono i timori degli attentati internazionali che hanno sconvolto il 2016 e questo scorcio di anno.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti