Conti tech

Alphabet batte le attese e sprinta in Borsa, ma Amazon delude

Alphabet sorprende in positivo con i suoi conti trimestrali mentre Amazon, almeno in parte, delude e interrompe una serie di utili da record

di Marco Valsania


Amazon apre le porte a 250 bimbi per laboratori di robotica

3' di lettura

New York - Alphabet sorprende in positivo con i suoi conti trimestrali mentre Amazon, almeno in parte, delude e interrompe una serie di utili da record. I due colossi dell'economia digitale americana hanno riportato i bilanci del secondo trimestre ma se il leader dei motori di ricerca ha superato le attese sia di profitti che di fatturato il grande gruppo di e-commerce e Internet non e' riuscito a rispettare le previsioni di utili.

Sulle due aziende, come su altri colossi hi-tech e Internet, incombe una nuova indagine antitrust delle autorita' americane che potrebbe generare incognite in futuro. Ma questo al momento non e' parso un fattore che ha influenzato i mercati, focalizzati su performance e crescita del business e qui Alphabet questa volta ha fatto meglio di Amazon.

Alphabet, sull'onda de risultati, nel dopo mercato ha visto il titolo - finora il peggiore questiono tra le grandi tech, in calo dell'11% da aprile - recuperare e guadagnare oltre il 7 per cento. Gli investitori erano rimasti delusi dall'andamento del precedente trimestre, quando i conti avevano deluso, e aspettavano con nervosismo i nuovi numeri. L'azienda ha anche autorizzato un nuovo piano di riacquisto di titoli propri da 25 miliardi che ha sostenuto le quotazioni.

Il giro d'affari della societa' negli ultimi tre mesi e' salito a 31,71 miliardi al netto dei traffic acquisition costs (i pagamenti a terzi per il flusso verso il suo motore di ricerca), volteggiando oltre i 30,4 miliardi previsti. Le revenue complessive sono salite del 19% a 38,94 miliardi contro i 38,15 miliardi ipotizzati. I profitti sono stati di 9,18 miliardi, con gli utili per azione pari a 14,21 dollari escluse voci straordinarie, superando gli 11,30 dollari pronosticati. Le entrate pubblicitarie, tuttora grande motore del business, sono lievitate del 16% a 32,6 miliardi, battendo leggermente anticipazioni di 32,58 e in crescita dai 28,9 miliardi dell'anno scorso. Le Altre attivita' del gruppo, tra cui il cloud, hanno generato 6,18 miliardi di entrate, in aumento del 40% rispetto ai 4,43 di un anno fa. Le cosiddette Other Bets, le scommesse piu' rischiose quali le auto self-driving, hanno mostrato entrate per 162 milioni contro 145 milioni l'anno scorso. “Sono entusiasta della spinta in tutti i business”, ha detto il Ceo della divisione Google, Sundar Pichai.

Amazon, invece, ha perso quota nel dopo mercato, con il titolo in calo di oltre il 2% anche se rimane rialzo di circa il 32% da inizio anno. Gli utili per azione sono stati pari a 5,22 dollari contro i 5,57 attesi. I profitti netti sono lievitati del 3,6% a 2,63 miliardi, danneggiati da rincari dei costi di spedizione (+36%) nei quali ha investito molto e da perdite nel retail internazionale. Il fatturato del colosso ha tuttavia battuto le previsioni, con 63,4 miliardi - in aumento del 20% sull'anno scorso - rispetto ai 62,5 miliardi ipotizzati. I dati sul giro d'affari hanno rappresentato di per se' una riscossa: nei primi tre mesi dell'anno le revenue avevano marciato di un piu' modesto 16,8 per cento. Amazon Web Services, la cruciale divisione di servizi cloud per il business, ha tuttavia frenato il passo: ha riportato entrate di 8,38 miliardi, in rialzo del 37% anziche' del 41% atteso, rimanendo sotto gli 8,5 miliardi anticipati. Per Aws e' stato il primo trimestre con una crescita inferiore al 40% in cinque anni, da quando riporta i risultati.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...