il colosso che controlla google

Alphabet (Google), i conti corrono nonostante multe e riforme Ue

di Marco Valsania

La maxi multa Ue a Google per Android spiegata in 9 punti

2' di lettura

NEW YORK - Alphabet batte le attese di bilancio e corre in Borsa, nonostante la maxi-multa dell’Unione Europea per abuso di posizione dominante con il suo sistema operativo Android e la nuova, più stringente legge di protezione della privacy (Gdpr) nel Vecchio continente.

Il colosso che controlla il motore di ricerca Google ha riportato profitti, anche sottratta la multa record da cinque miliardi della Ue, per 3,2 miliardi di dollari nel secondo trimestre. Un risultato che ha battuto le attese: al netto della multa gli utili sono stati di 11,75 dollari per azione contro i 9,64 previsti. Il chief executive di Google, Sundar Pichai, ha confermato che l’azienda intende presentare appello contro la decisione della Ue.

Loading...

Anche le entrate sono state superiori alle stime: i 26,24 miliardi di ricavi, esclusi i costi legati a pagamenti a parti terze, hanno mostrato una continua, robusta crescita rispetto ai 20,91 miliardi dello stesso periodo dell’anno scorso e si sono lasciati alle spalle pronostici fermi a 25,58 miliardi.

Nel dopo mercato, spinto dai conti, il titolo ha guadagnato fino al 6% prima di ridimensionare il rialzo al 3,6 per cento. Da inizio anno è salito ormai del 15 per cento.

La divisione chiave per la performance rimane Google, che ha messo a segno complessivamente ricavi per 32,5 miliardi, dai quali sottrarre i costi di cosiddetta traffick acquisition (Tac) - cioè versati a siti e partner che distribuiscono pubblicità e motore di ricerca di Google - pari a 6,4 miliardi. Le entrate depurate da simili costi, che sono oltretutto scesi al 23% dal 24% dei ricavi, sono state pari a 26,11 miliardi, a loro volta migliori delle aspettative.

All’interno di Google sono le entrate pubblicitarie a fare come sempre la parte del leone: sono state pari a 22,39 miliardi, una volta tolti i Tac, in rialzo del 24% rispetto ai 17,58 miliardi dell'anno scorso. Le attività non legate alle inserzioni, dal cloud al Play Store, hanno rastrellato ricavi per 4,43 miliardi, in rialzo del 37% da 3,09 miliardi.

Alphabet ha riportato infine l’andamento delle sue cosiddette Other Bets, le scommesse considerate più avveniristiche e rischiose. Le entrate qui sono diminuite, anzitutto a causa di spostamenti di alcune attività quali Nest dentro la stessa Google, ma le perdite operative sono aumentate, a 732 milioni da 633 milioni. Le principali operazioni contenute nelle Other Bets sono Google Fiber, nelle reti di fibre ottiche, e Verily, nelle life sciences.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti