ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTrimestrali

Alphabet (Google) e Microsoft, i ricavi crescono ma meno delle attese

La holding che controlla Big G registra un rialzo del 13% ma manca di poco le stime. Il gruppo di Redmond viene penalizzato dal rallentamento delle vendite di Pc e dollaro forte

Il logo di Google (Reuters)

1' di lettura

Ricavi sotto le attese per i colossi tech. Sia Alphabet, la holding che controlla Google, sia Microsoft hanno registrato un fatturato in aumento, ma al di sotto delle aspettative degli analisti. Più contenuto lo scarto di Alphabet, comunque rassicurata dai buoni risultati di settori come pubblicità e cloud.

Alphabet (Google): ricavi a +13% ma poco sotto le attese

Alphabet, la holding che controlla il motore di ricerca Google, ha chiuso il secondo trimestre 2022 con una crescita dei ricavi, spinti dalle buone performance di business pubblicitario e divisione cloud. Nei risultati comunicati il 26 luglio 2022, a mercati chiusi, la società ha registrato un fatturato in ascesa a 69,9 miliardi di dollari, contro i 61,88 miliardi dello stesso periodo del 2021. Si tratta di un incremento del 13%, ma comunque poco sotto un consensus che si attestava a 69,88 miliardi di dollari.

Loading...

Microsoft paga rallentamento vendita Pc e dollaro forte

Scenario simile per Microsoft, il colosso dell’informatica che si è concentrato in maniera sempre più rilevante sull’industria del cloud. Il gruppo di Redmond ha chiuso il quarto trimestre del suo anno fiscale con 51,87 miliardi di ricavi, in crescita rispetto ai 46,15 miliardi dell’anno scorso ma al di sotto delle attrese degli analisti (52,44 miliardi di dollari). Il risultato è dovuto al rafforzamento del dollaro, al rallentamento delle vendite di Pc e una spesa in advertising più bassa del previsto. La società ha registrato anche utili inferiori al consensus, con 16,7 miliardi di dollari di profitti, o 2,23 dollari ad azione, contro i 2,29 dollari attesi dal mercato.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti