Fiere

Alta orologeria (finalmente) in vetrina a Ginevra con Watches&Wonders

Torna in presenza l’evento che riunisce 38 maison del settore in un anno che si è aperto con dati record sull’export dalla Svizzera

di Paco Guarnaccia

2' di lettura

Dopo due anni di attesa, Ginevra apre le porte del suo Palexpo, che da oggi al 5 aprile ospita la prima vera edizione “ibrida” della fiera di alta orologeria più importante del mondo: Watches and Wonders . Ibrida perché pur restando attiva la modalità digitale di presentazione dei prodotti, dei talk e dei keynote dei brand (alcuni visibili per tutti sul canale youtube della kermesse), dopo due anni vissuti forzatamente davanti a uno schermo il selezionato numero di addetti ai lavori (dealer, media e ospiti) invitati dall'organizzazione può finalmente tornate a partecipare anche in presenza.

Le grandi maison presenti

Sono le 38 maison espositrici a Watches and Wonders: i marchi di proprietà di Richemont (Cartier, Iwc, Panerai, Vacheron Constantin, A. Lange & Söhne, Jaeger-LeCoultre, Montblanc, Roger Dubuis, Van Cleef & Arpels, Piaget Baume & Mercier), Rolex, Tudor, Patek Philippe, i brand di Lvmh (Hublot, Tag Heuer e Zenith), Chanel, Chopard, Grand Seiko, Hermès, Ulysse Nardin, Oris e Parmigiani Fleurier.

Loading...

Spazio anche agli indipendenti

Ma non solo. È stato confermato il Carré des Horlogers, spazio all'interno della kermesse introdotto a partire dalle ultime edizioni dell'Salon International Haute Horologerie (il nome che aveva la fiera fino al 2019) nel quale si trovano 14 marchi indipendenti e artigianali come Cyrus Genève, H. Moser & Cie., Laurent Ferrier, Louis Moinet, Czapek & Cie., Arnold & Son, Angelus, Armin Strom, Ferdinand Berthoud, Rebellion, Ressence, Speake-Marin, Trilobe, Rudis Sylva e Trilobe.

Un anno partito bene

«L'obiettivo di questo evento è aumentare il prestigio della capitale mondiale dell'orologeria», spiega Jean-Frédéric Dufour, presidente del Comitato degli espositori e ceo di Rolex. L'evento arriva in un momento di grande corsa per il settore, con i dati rilasciati dalla Federazione dell'industria orologiera svizzera che hanno segnato un febbraio 2022 da record con esportazioni per 1,99 miliardi di franchi svizzeri (1,93 miliardi di euro) con un +24,4% sul 2021.

Export orologi svizzeri a 2 miliardi. La Federazione: «miglior febbraio di sempre» di Lino Terlizzi (17 marzo)

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti