Watches and Wonders

Alta orologeria, slalom tra i brand che hanno fatto brillare la fiera digitale

Viaggio nella kermesse ginevrina mentre il testimone passa alla seconda edizione di Watches and Wonders Shanghai, in presenza (limitata), fino al 18 aprile con 19 marchi protagonisti

di Paco Guarnaccia

5' di lettura

Watches and Wonders di Ginevra (7-13 aprile), la fiera dedicata all'alta orologeria, quest'anno ancora digitale, per una settimana ha catalizzato l'attenzione di addetti ai lavori e appassionati del mondo delle lancette. Il testimone passa alla seconda edizione di Watches and Wonders Shanghai, qui in presenza (seppur limitata), in cartellone fino al 18 aprile con protagonisti 19 marchi sui 38 totali visti nei giorni della kermesse ginevrina.

Lunedì Patek Philippe ha completato la presentazione delle novità. Se all'inizio della fiera sono state svelate quattro nuove versioni di Nautilus (incluso il Ref. 5711/1A-014 con quadrante verde oliva), alla fine sono arrivate le proposte più tecniche, sempre tanto attese. Tra queste il centro della scena lo ha preso il Ref.5236P-001 con calendario perpetuo che su un quadrante in ottone laccato blu protetto da una cassa in platino mostra, in una sola grande finestrella a ore 12, le indicazioni lineari di data, giorno della settimana e mese: una soluzione meccanica brevettata mai vista prima su un orologio da polso.

Loading...

Il focus principale di Rolex è rimasto sulla lunga tradizione nella storia delle esplorazioni. La casa della Corona ha introdotto dei nuovi Explorer riproposti nella misura originale di 36 mm di diametro (la stessa all'epoca del lancio nel 1953), ed Explorer II che presenta evoluzioni tecniche ed estetiche. Tanti i lanci anche nella maison Cartier con una particolare attenzione verso Tank Must di cui peraltro sono state introdotte delle versioni dotate di un quadrante fotovoltaico, grazie al quale si carica il movimento Solarbeat realizzato in due anni di lavoro, e di cinturini Altstrap in materiali al 40% di origine vegetale.

Sempre in tema di grandi classici, Jaeger-LeCoultre è entrato nel vivo delle celebrazioni per i 90 anni di Reverso, il suo prodotto icona, di cui sono state presentate delle nuove versioni. Tra queste il Reverso Hybris Mechanica Calibre 185 è il più complicato mai realizzato in questa famiglia (sono ben 11 le complicazioni distribuite su quattro superfici).

Tante le grandi complicazioni anche per Vacheron Constantin che ha presentato due versioni di Overseas ultrapiatto con calendario perpetuo (una scheletrata) e una con tourbillon e un Traditionelle cronografo rattrapante ultra-piatto, ma il cui lancio principale è stato l'Historiques American 1921, riproposizione di un cult lanciato all'epoca per il mercato americano, dalla distintiva lettura in diagonale del tempo e con la corona decentrata a ore 2 sulla cassa.

Lancette di lusso, 25 novità da non perdere da Watches&Wonders

Lancette di lusso, 25 novità da non perdere da Watches&Wonders

Photogallery25 foto

Visualizza

La casa tedesca A. Lange & Söhne ha presentato il prezioso e sofisticato Lange 1 Perpetual Calendar. Il calendario perpetuo è stato inserito anche sull'Octo Finissimo Perpetual Calendar da Bulgari che inoltre ha introdotto l'Octo Finissimo Tadao Ando realizzato con il celebre architetto giapponese. Ulysse Nardin, invece, con il Blast Hourstriker ha creato un modello dallo stile avveniristico dotato di un movimento automatico con suoneria al passaggio regolata da un tourbillon, la cui complessa architettura meccanica si può osservare direttamente sul quadrante scheletrato.

Iwc si è concentrato sulla collezione Big Pilot's all'interno della quale ha presentato un pezzo con una cassa di 43 mm di diametro, meno imponente rispetto al passato, e anche il futuristico Big Pilot's Watch Shock Absorber XPL, modello ultraresistente che verrà prodotto in un massimo di dieci pezzi l'anno, che introduce il sistema antiurto SPRIN-g PROTECT.

Panerai ha puntato sulla sostenibilità svelando il concept watch Submersible eLab-Id (il 98,6% dei materiali usati sono riciclati). È un modello libero da brevetti o da segreti sulle aziende con cui il brand ha lavorato per questo progetto, per permettere a chi lo volesse di seguirne le orme. Inoltre, il marchio italiano ha presentato anche i Luminor eSteel in acciaio riciclato. Materiali protagonisti - ed era prevedibile vista la sua esperienza - anche in casa Hublot che ha introdotto il Big Bang Integral Tourbillon Full Sapphire in cui cassa, quadrante, parti del movimento automatico con tourbillon e bracciale sono in zaffiro trasparente e il Big Bang Unico Yellow Magic in ceramica gialla.

Tourbillon in primo piano anche negli Excalibur Single Flying Tourbillon di Roger Dubuis, uno dei quali monta dei diamanti a baguette che, grazie a un processo brevettato, si illuminano al buio; nel Tambour Curve Tourbillon Volant Gmt di Louis Vuitton che oltre al sofisticato meccanismo aggiunge la lettura di un secondo fuso orario, e nel Pioneer Tourbillon MEGA Cool di H. Moser & Cie visibile alle ore 6 sul suo suggestivo quadrante verde.

Sono quattro le nuove versioni in oro di Polo Skeleton per Piaget, mentre tra le proposte di Chopard, sia femminili sia maschili, ecco l'Happy Diamonds Joaillerie e il L.U.C Quattro Spirit 25, il primo orologio della maison con le ore saltanti (segnalate sul quadrante in una finestrella a ore 6).

Gli orologi Chanel hanno tutti come filo conduttore e ispirazione la musica elettronica come nel caso di J12 Electro in ceramica nera con indicatori colorati sulla lunetta che gioca sull'effetto cromatico dato dal riflesso dei colori sui materiali di cassa e bracciale. Eleganza new-retro per i modelli di Montblanc che insieme a nuove versioni dell'orologio simbolo della marca (il 1858 Geosphere) ha ampliato la famiglia Heritage con altre proposte, incluso il Pythagore Small Second Limited Edition 148 con un movimento ispirato a un vecchio calibro degli anni 40.

Elegante sportività per Tudor che ha lanciato dei Black Bay Chrono con quadrante con contatori cronografici a contrasto e due Black Bay Fifty-Eight (uno in bronzo e uno in argento). Baume & Mercier ha rilanciato il suo famoso Riviera, mentre Tag Heuer ha rinnovato la sua collezione di subacquei con Aquaracer Professional 300 formata da quattro declinazioni con cassa impermeabile fino a 300 metri di profondità di 43 mm di diametro e da tre di 36 mm di diametro.

Oris, oltre al lancio dell'ultra sportivo AquisProDate Cal 400, ha giocato con i colori pastello usati per decorare i quadranti dei Divers Sixty-Five ”Cotton Candy” con cassa in bronzo di 38 mm di diametro. Stile metropolitano per le nuove proposte di Hermès con la sua collezione H08 e di Zenith con il Defy 21 Felipe Pantone Edition realizzato con il talentuoso street artist. Il famoso e premiato design di Nomos Glashütte ritorna anche sul Metro Neomatik 41 Update con il datario ad anello brevettato in arancione fluorescente. Lo stesso datario si trova su un altro pezzo della casa tedesca, il Tangente Update Blu Notte: qui però l'indicazione è in superluminova verde.

Verde è il colore che a questo Watches and Wonders ha dominato su molti segnatempo e che, dato il suo significato simbolico, acquista anche un altro valore dopo l'anno che tutto il mondo ha vissuto e che con le novità presentate durante questa fiera vede l'orologeria ripartire.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti