Coronavirus

Alto Adige, con il Corona-pass al ristorante al chiuso. In Trentino deroga al coprifuoco

Chi ha test negativo non più vecchio di 72 ore, i vaccinati e i guariti hanno accesso ai locali interni dei ristoranti

Coronavirus, i vaccinati al 28 aprile 2021

2' di lettura

Rispetto alla “certificazione verde” Covid prevista dal governo per gli spostamenti tra regioni, l’Alto Adige fa un passo in più ed è già partito con il “Corona pass”: un’attestazione che consente l’accesso agli ambienti chiusi, compresi bar e ristoranti. Introdotto con un’ordinanza del presidente la Provincia di Bolzano Arno Kompatscher, il “pass” è valido per persone vaccinate, guarite dall’infezione e testate. In Trentino, invece, introduce una deroga al coprifuoco alle 22 per chi va al ristorante.

Trentino, deroga al coprifuoco dopo il ristorante

In Trentino è consentito lo spostamento oltre le ore 22 per tornare a casa dopo aver usufruito dei servizi di ristorazione. Lo prevede una delibera del presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti. La deroga al coprifuoco delle 22 è consentito «per il tempo strettamente necessario secondo il tragitto più breve tra l’esercizio di ristorazione e il luogo di destinazione». In caso di controlli bisogna esibire la ricevuta del ristorante o compilare un’autocertificazione con l’indicazione del locale della Provincia dove si è consumato il pasto. La misura, però, è sotto osservazione da parte del Governo: «Saranno fatte le valutazioni del caso - ha detto il sottosegretario all’Interno Calo Sibilia -, è oggettivamente strano che in Italia si faccia in un modo e poi ci siano questi casi sporadici».

Loading...

Un Qr per andare al ristorante

Da lunedì 26 aprile in Alto Adige chi ha un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus non più vecchio di 72 ore, i vaccinati (ciclo completo) e i guariti negli ultimi sei mesi hanno accesso su prenotazione ai locali interni dei ristoranti. Ma il codice verde è indispensabile anche per entrare a teatro, al cinema e nei musei. Un codice Qr è stampato sul risultato del test e può essere scansionato per verificarne la validità. Il “QR code” è valido sia digitalmente via smartphone o in forma cartacea. Solo dal 5 maggio, la app Corona-Pass sarà pienamente operativa.

Un primo effetto è già evidente: in Alto Adige si è registrato un maggiore afflusso alle 80 stazioni di test attivate in 69 comuni della provincia, tanto che, in alcune località, le strutture per i test hanno esaurito la disponibilità di posti nelle prenotazioni. Circa 5mila persone, inoltre, hanno chiesto l’attestazione della guarigione dal Covid-19 al Servizio epidemiologico dell'Azienda sanitaria provinciale.

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti