vivissime condoglianze

Amanti in fuorigioco


1' di lettura

Difficile scrivere evitando di parlare del coronavirus. Disposizioni e ordini si moltiplicano e ormai, da giovedì scorso, anche una passeggiata richiede il foglio di autogiustificazione. Nulla di grave, sia chiaro, anzi. Tuttavia ci sono cose difficili da confessare in una dichiarazione, come l’incontro con l’amante. Cosa dirà l’agente leggendo che il tal dei tali si reca a svolgere quelle funzioni che la natura ha imposto all’umanità? Su www.leggo.it in settimana è apparsa la notizia di una signora e di un suo (supponiamo) cliente che a Busto Arsizio sono stati denunciati per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità: fermati, sono risultati entrambi “evasi” dal proprio comune di residenza. Nemmeno la Santa Inquisizione l’avrebbe pensata! Anche se questo è un piccolo caso, è doveroso osservare che in tempi di Coronavirus sono aboliti adulteri e libertinaggi e che mantenere i desideri erotici è impossibile. Non abbiamo, purtroppo, dichiarazioni di Casanova o di Marylin Monroe in materia; per tal motivo, tutto va inventato. A proposito di Marylin, vale la pena ricordare una sua battuta: «Non essere gelosa se vedi il tuo ex con un’altra... la mamma ci ha insegnato che devi dare i giocattoli usati ai meno fortunati». E se si usasse la scusa che si cercano dei giocattoli? Non vale. L’11 marzo circolava la notizia riguardante un signore di Sacile (Pordenone), il quale ha scritto sulla giustificazione che stava recandosi a comprare la Playstation per i figli chiusi in casa. L’uomo è stato denunciato per il mancato rispetto delle misure contenute nel Dcpm.

(Modesto Michelangelo Scrofeo)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti