CAlcio e finanza

Amazon all’assalto della Premier, 20 partite da dicembre

Trasmesse dal servizio Prime nel Regno Unito. Ma non mancano i punti deboli e le incognite, dopo le delusioni dello scorso anno negli Usa con il tennis


default onloading pic

2' di lettura

Amazon scende in campo per prendersi la Premier League sul servizio streaming di Prime Video. Venti partite, con un turno infrasettimanale e il Boxing Day, a partire da questo mese per entrare come terzo incomodo tra Sky e Bt. Il colosso Usa dell’e-commerce ha pagato poco più di 105 milioni di euro. Sei partite sovrapposte già da questa sera, quando alle 20.30 si affrontano Manchester United e Tottenham. Ma anche il derby di Liverpool promette scintille. L’esordio comunque è stato ieri e si sono viste molte statistiche live e altre feature innovative.

Però c’è un però. Un po’ come è successo in Italia quando è stato lanciato Dazn e la qualità lasciava molto a desiderare (per dirla con un eufemismo) così l’attesa è per trasmissioni in streaming prive dei problemi tecnici che hanno caratterizzato Amazon in passato. Gli appassionati pagano 67 sterline al mese per la Premier su Sky e BT Group. Adesso gli viene chiesto di registrarsi anche per un abbonamento Amazon Prime, in modo da poter vedere tutte le partite. Nel Regno Unito il servizio Prime di Amazon costa 7,99 sterline al mese dopo una prova gratuita di 30 giorni.

Se i tecnici saranno in grado di offrire una visione perfetta delle gesta in campo del Liverpool di Klopp o del Manchester City di Guardiola sarà solo Amazon a festeggiare. Il colosso guidato da Jeff Bezos diventerebbe un concorrente più serio per i principali diritti di trasmissione. E più player si traducono in più soldi per i 20 club della competizione calcistica più ricca del mondo. Ciò costituirebbe anche una minaccia a lungo termine più scoraggiante per Sky di Comcast Corp.

Gli spettatori possono essere spietati. Quando lo scorso anno la copertura del tennis negli Stati Uniti di Amazon ha profondamente deluso, oltre l'80% degli spettatori gli ha assegnato una valutazione a 1 stella, basata su quasi 700 recensioni.

Un portavoce di Amazon ha rifiutato di soffermarsi sulle sfide tecniche. Lo sport dal vivo è «una nuova area attraente per noi» ed è qualcosa che i clienti stanno cercando. «È ancora il primo giorno per noi nello sport. Continueremo ad ascoltare i nostri clienti. Partiamo da qui e siamo decisamente entusiasti del futuro».

Quando Amazon si è aggiudicata i diritti della Premier League nel 2018, non sapeva quanti spettatori avrebbe raggiunto. La Lega inglese ha dichiarato che il pubblico locale è cresciuto del 12% la scorsa stagione, quando la corsa al titolo è stata decisa tra Manchester City e Liverpool per un solo punto. Il numero di telespettatori è balzato di nuovo nella stagione in corso, secondo Sky, con la sfida tra Liverpool e Manchester City del mese scorso che ha attirato 3,36 milioni di telespettatori.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...