Lavoro

Amazon, confronto a 360° col sindacato e riconoscimento delle relazioni industriali

Siglato l’accordo al ministero del Lavoro tra la multinazionale e Filt, Fit e Uiltrasporti. Il ministro Orlando: «Impegno ad aprire un metodo di confronto con i sindacati»

di Cristina Casadei

(ANSA)

3' di lettura

L’accordo sulle relazioni industriali raggiunto da Amazon e dai sindacati al ministero del Lavoro, chiude il primo cerchio relativo al riconoscimento dell’interlocuzione con i sindacati sui temi che via via si pongono in azienda: dai turni, agli orari, ai carichi di lavoro, agli incentivi economici. Una questione che va al di là dell’applicazione del contratto collettivo nazionale, soprattutto in una fase di grande evoluzione del settore della logistica e dell’e-commerce.

Il tavolo al ministero del Lavoro

All’indomani del primo sciopero nazionale in Amazon, indetto dai sindacati della logistica e sostenuto dalle altre categorie, il ministro del Lavoro Andrea Orlando decise di aprire un tavolo ministeriale di confronto, che ha visto la partecipazione della multinazionale, di Conftrasporto, di Assoespressi (che rappresenta le aziende che si occupano dell’ultima parte della distribuzione delle merci che è esternalizzata) e dei segretari generali della logistica, ossia Stefano Malorgio (Filt Cgil), Salvatore Pellecchia (Fit Cisl) e Claudio Tarlazzi (Uiltrasporti). L’accordo siglato riguarda, al momento, solo i dipendenti diretti di Amazon Italia logistica, mentre resta aperto il tavolo con Assoespressi.

Loading...

Il valore delle relazioni industriali

Il ministro Orlando aveva fornito alle parti una serie di indicazioni per il confronto bilaterale «in materia di applicazione della normativa nazionale sul lavoro e in coerenza col Capitolo I del contratto collettivo nazionale logistica, trasporto merci e spedizione, di sicurezza sul lavoro e di relazioni industriali tra l’azienda e le organizzazioni sindacali. Il protocollo stabilisce che «le relazioni industriali rappresentano un valore in sé» e le parti si assumono «l’impegno a rispettare le norme del contratto della logistica e la loro coerente applicazione». Sul risultato raggiunto il ministro Orlando ha espresso «forte soddisfazione» perché con questo accordo Amazon si impegna «ad aprire un metodo di confronto con i sindacati. Si tratta di una scelta importante per quello che Amazon rappresenta nel settore della logistica». Penso possa contribuire «a migliorare il quadro della situazione dell’ambito logistica, segnato da forte conflittualità», ha osservato Orlando.

L’accordo e l’apertura del confronto a 360°

Entrando nel merito, l’accordo prevede la realizzazione di iniziative a livello nazionale: momenti di confronto periodico sulle problematiche del settore e-commerce, anche in funzione del futuro rinnovo del contratto, momenti di confronto preventivo sulle strategie di sviluppo aziendale e di investimento negli ambiti territoriali. Ma anche verifica delle opportunità di formazione professionale continua per gli addetti ai singoli settori, utilizzando tutti gli eventuali elementi di sostegno economico e normativo, anche attraverso l’associazione datoriale di riferimento, Conftrasporto. E poi l’individuazione degli strumenti più idonei per monitorare gli andamenti occupazionali, con l’obiettivo di favorire percorsi di crescita e continuità occupazionale, dialogo con i soggetti istituzionali nelle sedi competenti su eventuali tematiche di carattere sociale e sanitario.

La corretta applicazione dei contratti

Nell’accordo si stabilisce anche l’impegno delle parti a verificare la corretta applicazione del contratto. E quindi di accertare trattamenti economici e normativi, coerenti per tutti i lavoratori, compresi quelli in somministrazione. Questo significa anche mettere in conto il confronto su eventuali vertenze sull’interpretazione e la corretta applicazione del contratto, secondo modalità e procedure stabilite dalle parti stesse, ma anche prevedere modalità di composizione di eventuali controversie, instaurando corrette relazioni sindacali, nella convinzione reciproca che il confronto rappresenti lo strumento fondamentale per affrontare e dare soluzione ad eventuali problematiche.

Gli investimenti di Amazon

Dalla multinazionale dicono «di aver lavorato per stabilire un dialogo positivo con le organizzazioni sindacali in linea con quanto suggerito dal ministro del Lavoro. I protocolli siglati rappresentano un'ulteriore prova del nostro impegno nell'instaurare un dialogo costruttivo e responsabile con i rappresentanti dei lavoratori sia a livello nazionale che di sito». Relazioni improntate su queste basi, per Amazon «possono favorire le nostre strategie di investimento nel Paese, dove abbiamo investito oltre 6 miliardi negli ultimi 10 anni creando 12.500 posti di lavoro a tempo indeterminato».

Per i sindacati è un accordo storico

Forte la soddisfazione dei sindacati per il risultato raggiunto. «Per la prima volta Amazon accetta il confronto secondo le discipline contrattuali in vigore, riconosce la rappresentanza collettiva ed il ruolo del sindacato», dicono in una nota unitaria Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, sottolineando che si tratta «del primo importante e storico accordo, unico a livello mondiale, sul sistema delle relazioni industriali col colosso dell'e-commerce». Viene infatti riconosciuto, dicono le sigle della logistica «il ruolo del sindacato a livello nazionale, territoriale e delle rappresentanze sindacali aziendali. L’intesa consente di avviare trattative su temi organizzativi come orari, turni, carichi di lavoro, su elementi normativi come il corretto riconoscimento dei livelli di inquadramento, sulle materie di salute, sicurezza e prevenzione sul lavoro, sulla formazione e sui temi economici come il premio di risultato, incentivi e particolari maggiorazioni. Le trattative su questi temi saranno possibili anche a livello territoriale». Quanto al tavolo con Assoespressi, Filt, Fit e Uiltrasporti dicono che «serve portare avanti fino ad una conclusione positiva, anche il confronto con Assoespressi, per poi dare il via ad una nuova stagione contrattuale in tutta la filiera di Amazon».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti