ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTax free

Americani e arabi fanno brillare lo shopping nei luoghi di vacanza: superati i livelli pre-Covid

A giugno Global Blue certifica un aumento del 124% rispetto al 2019. Cresce del 30% lo scontrino medio, soprattutto per moda e gioielli, e supera i duemila euro a Porto Cervo. Russi e cinesi assenti, ma aumentano britannici e israeliani

di Redazione Moda

Panorama di Porto Cervo

3' di lettura

Capri, Porto Cervo, Portofino, Forte dei Marmi, Taormina: secondo Global Blue, le località estive italiane, già a giugno, hanno superato i dati del tax free shopping del pre-pandemia, con una crescita del 124% e un aumento dello scontrino medio del 30%, per un valore medio pari a 1.651 euro.

Per quanto riguarda le nazionalità, restano fuori dal conteggio cinesi (che oggi rappresentano solo il 3%) e russi, che hanno ceduto il posto ad americani, arabi e britannici. Questi ultimi, in particolare, rappresentano una nazionalità dal forte potenziale per il travel retail, dal momento che possono effettuare acquisti tax free dal 2021: e se amano in particolare Capri e Porto Cervo, dove arrivano a spendere anche 2.275 euro, gli statunitensi, da soli, valgono oltre un terzo degli arrivi internazionali nelle località estive italiane, ma sono gli arabi a registrare lo scontrino medio più elevato (1.354 euro).

Loading...

Spostando il focus sulle località, Capri è per distacco la prima destinazione per lo shopping tax free all'interno del panel di riferimento, raccogliendo quasi due arrivi internazionali su tre e con un tasso di recupero della spesa tax free addirittura del 157% rispetto al giugno 2019. In crescita anche lo scontrino medio (+20%), che raggiunge i 1.680 euro. A livello di nazionalità, il 61% degli shopper tax free è qui rappresentato dagli americani, che hanno più che raddoppiato la loro presenza rispetto al pre-pandemia. A seguire gli arabi, addirittura triplicati, che registrano scontrini medi record da 3.290 euro (+44%). Due terzi degli acquisti si rifanno alla categoria merceologica del Fashion&Clothing.

A Porto Cervo il tasso di recovery è stato del 136%, ma nella località sarda a risaltare è stata soprattutto la spesa media, con uno scontrino che si è aggirato sui 2.278 euro (+12%), il più alto tra i luoghi considerati nell'analisi. Anche qui gli americani hanno costituito la nazionalità a maggior presenza, persino triplicati rispetto al 2019. Ma al secondo posto si trovano i britannici, che valgono l'11% delle transazioni tax free e con uno scontrino medio che ha raggiunto i 2.275 euro. Otto turisti su dieci, inoltre, prediligono gli acquisti legati al fashion ed all'abbigliamento, seppure sia la spesa media per orologi e gioielli (32.590 euro) a crescere maggiormente (+129%). Tra le nazionalità “minori” in termine di peso, invece, sorprendono i 3.894 euro di spesa media effettuati dai turisti provenienti dal sud-est asiatico e, soprattutto, il tasso di recovery degli israeliani (1.798%), vera nazionalità emergente.

In Liguria, anche Portofino migliora le performance del pre-Covid, trainata dalla forte presenza di americani ed arabi. Come per Porto Cervo, anche nel comune genovese una delle novità è rappresentata dagli israeliani, che quadruplicano rispetto al 2019. A segnare lo scontrino medio più elevato, invece, sono stati i turisti del sud-est asiatico con 4.597 euro(+241%). Qui il 93% degli acquisti si riferisce alla categoria merceologica del Fashion&Clothing, ma a segnare gli scontrini maggiori è quella del Watches&Jewellery (4.985 euro), seppur in calo rispetto al pre-pandemia (-60%).

Chi invece sta recuperando più lentamente è Forte dei Marmi. La località toscana, infatti, ha recuperato solo poco più dei due terzi (69%) della spesa tax free effettuata nel 2019, soprattutto a causa della mancanza dei turisti russi. Qui i protagonisti assoluti sono stati gli arabi che, come gli americani, hanno raddoppiato le loro performance rispetto al 2019. A sorpresa, il tasso di recovery maggiore lo hanno segnato gli indiani (2.702%). A livello di scontrino medio, superano i duemila euro solo i britannici e gli arabi, mentre la categoria del Watches&Jewellery ha raggiunto quasi i valori del pre-Covid, con uno scontrino medio in aumento a 17.701 euro (+76%).

Nel nuovo mix di nazionalità in ingresso, in Sicilia risultano poi di profondo interesse i turisti provenienti dagli Stati Uniti, dal Regno Unito e – soprattutto – dalla Svizzera. A Taormina, gli americani in particolare pesano quasi per la metà della totalità degli acquisti tax free effettuati, mentre il tasso di recovery complessivo arriva al 136%, con uno scontrino medio totale di 1.353 euro (+76%).

Lontane dal pre-pandemia, invece, sono la costa marchigiana (tasso di recovery dell'11%) ed abruzzese (17%). Per quanto riguarda la riviera romagnola e la Puglia, inoltre, i loro tassi di recupero segnati sono stati rispettivamente del 28% e del 37%, in larga parte a causa della mancanza dei turisti russi. Pertanto, qui, risulta ancora più necessario continuare a lavorare per intercettare il turista americano che - come l'analisi Global Blue ha dimostrato - è particolarmente attratto dalle bellezze naturali e culturali italiane.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti