ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAsset management

Amundi corre a Parigi, dopo conti annuali oltre obiettivi e aumento del dividendo

La società di asset management controllata dal Credit Agricole ha realizzato nel 2021 un utile netto di 1,31 miliardi di euro, in crescita del 37%

di Giuliana Licini

(maxsim - stock.adobe.com)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Amundi premiata dagli investitori alla Borsa di Parigi con un rialzo anche oltre quattro punti, dopo l’annuncio di risultati annuali migliori degli obiettivi che hanno permesso un consistente aumento del dividendo. La società di asset management controllata dal Credit Agricole ha realizzato nel 2021 un utile netto di 1,31 miliardi di euro, in crescita del 37%. Sulla spinta di questa performance la società ha alzato del 41% il dividendo portandolo a 4,1 euro per azione. A favorire l’aumento della redditività è stato l’incremento dei ricavi netti del 23,5% a 3,2 miliardi e il mantenimento di un’eccellente efficacia operativa, spiega Amundi. Il cost/income è migliorato al 47,9% dal 51,7% del 2020 e l’utile operativo rettificato è in crescita del 33% a 1,67 miliardi.

«Con un utile netto di 1,3 miliardi abbiamo già superato il nostro obiettivo di utile del piano strategico 2018-2022», ha commentato la ceo Valerie Baudson preannunciando che Amundi presenterà nuovi target nel quadro del nuovo piano del Gruppo Credit Agricole. La società evidenzia che - dopo l’acquisizione di Lyxor (finalizzata il 31 dicembre scorso) e i suoi 148 miliardi di masse in gestione e grazie alla dinamica commerciale - ha superato la soglia dei 2.000 miliardi di euro di asset in gestione, arrivando a 2.064 miliardi, in crescita del 10,8%. La raccolta netta di asset a medio-lungo termine è record a 75 miliardi. Il gruppo mette in rilievo la forte crescita in Europa nel Retail. In particolare la raccolta da parte di distributori terzi è stata positiva per 23,5 miliardi sui principali mercati e «la dinamica è stata ugualmente forte nelle reti di partner internazionali, soprattutto nelle reti di Unicredit (+4,4 miliardi in Italia, Germania e Austria) e del Banco Sabadell (+2,1 miliardi in Spagna)». Lo sviluppo in Asia è stato “sostenuto” ed è “partita bene” la joint venture con Bank of China.

Loading...

Nel quarto trimestre Amundi ha registrato una raccolta netta di 65,5 miliardi, 29 dei quali in asset di medio-lungo termine e l’utile netto rettificato ammonta a 328 milioni, in crescita del 14% su ricavi netti per 794 milioni (+8,8%). Sul fronte Esg, Amundi conferma la sua leadership europea con 847 miliardi di euro gestiti a fine 2021 e con una raccolta positiva per 36,5 miliardi. In base al piano strategico Esg 2018-2021, sono stati mantenuti tutti gli impegni, sottolinea la società, ricordando che l’8 dicembre scorso ha presentato il suo nuovo piano Esg al 2025 che prevede un impegno ancora maggiore su questo fronte, inclusa l’indicizzazione della remunerazione dei suoi principali dirigenti sui target Esg.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti