Turismo urbano

Anche i monopattini elettrici possono partire per le vacanze

Con l’arrivo dell'estate diventano alleati dei turisti alla scoperta delle città. E stanno diventando oggetti molto interessanti per chi va in vacanza

di Biagio Simonetta

Monopattini elettrici, Link lancia primo corso di guida sicura

3' di lettura

Sono un po’ croce e delizia della nuova mobilità green. Le case produttrici ne sfornano di sempre più tecnologici, lavorando su autonomia delle batterie, prestazioni e design. Ma la grande incognita della sicurezza rimane un macigno pesantissimo. I monopattini elettrici dividono da sempre.
Odiati dai pedoni, invisi agli automobilisti. Ma senza dubbio oggetti diventati in tutta fretta autentici mezzi di trasporto urbano a scarso impatto ambientale e con fasce di prezzo che diventano un’opportunità, per chi ha bisogno di muoversi ma non può permettersi un veicolo a motore e i costi che ne conseguono.

Alleati dei turisti alla scoperta delle città

Con l’arrivo dell’estate, inoltre, i monopattini elettrici diventano alleati dei turisti alla scoperta delle città. E stanno diventando oggetti molto interessanti per chi va in vacanza in camper o in barca, perché – tra le altre cose - occupano meno spazio di una bicicletta.

Loading...

Ma quali sono i modelli del momento? E cosa bisogna valutare, quando si è davanti alla scelta di acquistarne uno?

Come detto, di modelli ne esistono ormai moltissimi. E ce n’è per tutti i gusti e per tutte le esigenze. Da quelli più leggeri, da mettere in spalla in caso di trasporto misto (se si decide di prendere un mezzo pubblico, ad esempio), a quelli più performanti. Una delle caratteristiche da considerare subito riguarda gli pneumatici. Ne esistono tre tipologie: quelli con camera d’aria (da evitare il più possibile, perché facilmente forabili e non altrettanto facilmente riparabili), quelli con gomma piena (non buchi mai, ma perdi in fatto di equilibrio e guidabilità) e quelli con pneumatici del tutto simili a quelli delle automobili, cioè tubeless (che sono la migliore scelta).

Altro fattore importante, da valutare con estrema attenzione, è il capitolo frenata. Esistono monopattini (pochi) che hanno solo il freno elettronico, e faticano molto in caso di frenata immediata. Meglio (molto meglio) quelli con freno meccanico, perché conferiscono una sicurezza maggiore e quindi più tranquillità quando si è alla guida.

Di modello in modello

Uno dei modelli più recenti arrivato sul mercato è il Ninebot Segway MAX G30LE. È il fratello minore della versione Max G30 (di gran lunga il miglior monopattino del biennio 2019/2020). E propone caratteristiche molto interessanti. A partire proprio dagli pneumatici tubeless da 10 pollici. E poi ancora: doppio sistema frenante (meccanico ed elettronico), materiali robusti, pedana abbastanza ampia e confortevole, motore da 350W (che non teme le salite) e super batteria che regala un’autonomia da 40 km in velocità eco. Un ottimo monopattino insomma, con velocità massima di 25 km/h. Con un neo che però può fare la differenza, se state cercando un oggetto comodo da trasportare: pesa 15 kg. Portarlo in spalla per fare delle scale, insomma, non è il massimo. Di listino costa 699 euro (ma online si trova a meno).

Per chi è alla ricerca del massimo della leggerezza, un buona idea sembra il modello i-Bike Freedom. È probabilmente il monopattino più leggero in assoluto (con un peso di 7 kg). L’ideale per chi alterna tratti in monopattino e tratti a piedi. Ruote molto piccole, pedana essenziale, piccolo ammortizzatore frontale. Non è il massimo della sicurezza e della stabilità. Ha un motore da 250W con velocità massima che raramente arriva ai 20km/h. Autonomia che varia molto in base al peso del conducente: dagli 8 ai 12 km. Costa 200 euro.

Ma se Segway Ninebot MAX G30LE e i-Bike Freedom sono un po’ il massimo e il minimo che c’è sul mercato, è giusto dare un’occhiata alle vie di mezzo. Sono due i modelli che abbiamo provato e che abbinano comodità a prestazioni: il Nilox Doc 8Five e il Segway Ninebot E22E.

Il primo è un monopattino un po’ per tutti: 25 km di autonomia, 25 km/h di velocità massima, ruote da 8.5” tubeless, freno a disco posteriore e ricarica rapida (anche se il caricabatterie per la ricarica rapida va acquistato a parte), motore da 350 W. Costa 369 euro nella versione customizzata NBA (per gli amanti del basket), un po’ meno per quella classica. Occhio al peso, però: con 14,5 kg non è il massimo in certe circostanze.

Il Ninebot E22E, invece, monta ruote da 9” dotate di schiuma interna a doppia densità Flat-Free (buone performance e senza rischiare forature o manutenzioni aggiuntive). Il motore brushless a corrente continua integrato nella ruota anteriore è da 300 W, per una velocità massima di 25 km/h. Pesa 13,5 kg e costa 379 euro.


Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti