ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Europa e Wall Street sotto pressione con Omicron, novembre in rosso per Milano (-4%)

I timori legati alla diffusione della nuova variante mandano a picco il bilancio mensile dei listini. Parigi limita i danni (-1,6%) mentre Londra registra un passivo del 2,5% e Francoforte del 3,8%. Lo Stoxx 600 europeo ha lasciato sul terreno il 2,6%

di Enrico Miele e Paolo Paronetto

Aggiornato alle 22,05

La Borsa, gli indici del 30 novembre 2021

3' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - I timori legati alla diffusione della nuova variante Omicron del coronavirus e le conseguenti flessioni accusate dai mercati mandano in "rosso" il bilancio mensile dei listini azionari europei. Se infatti fino alla scorsa settimana gli indici si mantenevano sostanzialmente in linea con i livelli di fine ottobre (grazie al rally che li aveva portati ai nuovi massimi il 15 novembre e poi alla successiva correzione), nelle ultime giornate le Borse sono tornate ai valori della metà dello scorso mese: a Piazza Affari il Ftse Mib ha così perso complessivamente il 3,95% rispetto alla chiusura del 29 ottobre. Tra i principali indici continentali l'andamento migliore è stato quello di Parigi (-1,6%), mentre Londra ha registrato un -2,46%, Francoforte -3,75% e Madrid -8,31%. Complessivamente lo Stoxx 600 europeo ha lasciato sul terreno il 2,64%.

Nell'ultima seduta Powell "falco" disorienta i listini

Le opinioni divergenti della comunità scientifica sulla tenuta dei vaccini anti-Covid di fronte alla nuova variante Omicron hanno disorientato nella seduta del 30 novembre i mercati azionari, che faticano a valutare potenziali futuri impatti economici in un clima di generale volatilità. Se infatti l'a.d. di Moderna, Stephane Bancel, ha parlato di vaccini meno efficaci contro Omicron, la biochimica di Biontech, Katalin Kariko, pioniera della tecnologia dell’mRna, ritiene improbabile che il nuovo virus "buchi" la protezione attuale. Sul fronte macro si è aggiunto poi un nuovo elemento di incertezza: il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ritiene infatti che sia «il momento giusto» per non parlare più di inflazione «transitoria» e ha annunciato che nel prossimo vertice dell'istituto centrale sarà discussa la possibilità di accelerare il "tapering", cioè la riduzione del programma di acquisto di asset. Gli indici europei hanno così vissuto un pomeriggio in altalena, prima di chiudere in territorio negativo.

Loading...

E anche Wall Street chiude in calo: il Dow Jones perde l’1,86% a 34.484,18 punti, il Nasdaq cede l’1,55% a 15.537,69 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno l’1,90% a 4.566,97 punti.

Al top DiaSorin, giù Tenaris e la galassia Agnelli

In questo clima d’incertezza, sul FTSE MIB le vendite sono state generalizzate per buona parte della seduta. Si sono salvati i farmaceutici con Diasorin tra le migliori e Recordati largamente sopra la parità. Tra le banche si è messa in luce Unicredit che ha iniziato il conto alla rovescia in vista della presentazione del nuovo Piano industriale, in calendario il prossimo 9 dicembre. In discesa di nuovo Telecom, mentre la partita dell'offerta Kkr è ancora aperta e le indiscrezioni dei media francesi che speculano su un ruolo di Xavier Niel, fondatore e primo azionista di Iliad. In coda al listino, penalizzati dal cattivo andamento a livello europeo di industria e auto, finiscono a fine giornata tra gli altri Cnh Industrial e Banca Mediolanum. Debole Exor nel giorno del suo Investor day e Stellantis. Giù anche i petroliferi, in particolare Eni e Tenaris, con il nuovo ribasso del greggio. Non va meglio a Saipem che ha firmato con Saudi Aramco un nuovo contratto, con valore complessivo di circa 750 milioni di dollari, relativo al progetto Jafurah Development Program in Arabia Saudita.

Euro torna sotto 1,13 dollari, occhi sulla Fed

Sul mercato dei cambi, il dollaro torna a rafforzarsi dopo le parole di Powell e si riporta sotto la quota di 1,13 per un euro che aveva perso in avvio: un euro vale infatti 1,1274 dollari, in linea con gli 1,1270 della chiusura di ieri. La moneta unica europea è indicata anche a 127,87 yen (128,14 ieri), mentre il rapporto dollaro/yen è a 113,42 (113,72).

Andamento dello spread Btp / Bund
Loading...

Spread chiude in rialzo a 131 punti, tasso allo 0,97%

Chiusura in lieve rialzo per lo spread tra BTp e Bund. Al termine degli scambi il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark e il titolo di pari durata tedesco è indicato a 131 punti base dai 129 punti del closing del 29 novembre. In frazionale calo il rendimento del BTp decennale benchmark che ha segnato un'ultima posizione allo 0,97%, dallo 0,98% del riferimento della vigilia.

Nuovo tonfo del petrolio, risale l'oro

In discesa di nuovo il petrolio che alla vigilia era risalito sopra i 71 dollari nel Wti, dopo aver archiviato venerdì scorso la peggiore seduta (-10%) dalla primavera 2020. Il greggio risente della corsa ai beni rifugio dopo i timori espressi dal ceo di Moderna: il Wti perde il 2,67% a 68,08 dollari mentre il Brent cede il 2,86% a 71,34 dollari. In rialzo infine l'oro che supera i 1.790 dollari l'oncia.

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti