Agricoltura

Annata buona per le fragole, l’Italia batte la Spagna

di Luigia Ierace

default onloading pic
 Coltivazione di fragole ormai pronte per il raccolto

2' di lettura

Investimenti aumentati del 10%, ottima qualità e varietà, condizioni climatiche favorevoli, scarsa concorrenza di altri Paesi: sono i punti di forza dell’annata 2021 del comparto italiano della fragola (3.900 ettari). Basilicata e Campania, con circa 1.000 ettari ciascuna (50% del totale) si confermano i principali bacini produttivi in una campagna di raccolta, iniziata in anticipo con quantitativi non eccessivi, ma prezzi altissimi (dai 4 agli 8 euro finali al chilo).

Un forte vantaggio competitivo sulla Spagna che li vede imporsi sui mercati nazionali e internazionali con un fatturato atteso di 100 milioni e una produzione di circa 400 quintali di fragole a ettaro. «L’andamento negativo spagnolo – ha detto il presidente di Confagricoltura Salerno, Antonio Costantino – ha visto a livello di catena europea la ripresa del prodotto italiano, richiesto anche a prezzi aumentati fino al 50%, con benefici per tutti: dai piccoli produttori alle organizzazioni di produttori. I campani esportano all’estero per il 70 per cento. Mentre la Basilicata gode di un appeal superiore in Italia con prodotti più di nicchia, come la Sabrosa-Candonga». Dai dati del Centro servizi ortofrutticoli, nel 2021 in Basilicata, nel Metapontino, le superfici coltivate a fragola sono aumentate del 20%, mentre in Campania del 6%, tra Casertano-Napoletano e Piana del Sele a Salerno. Quanto alle varietà, in Basilicata spicca la Sabrosa-Candonga con il 68%, seguita da Nsg 120 - Rossetta in crescita al 10 per cento. In Campania, Melissa al 37%, seguita da Sabrina al 25%. Tra le novità, i brand Fragola “Matera” e la “Parthenope” con i suoi positivi riscontri. Il Sud rappresenta circa il 66% della fragolicoltura nazionale. Aumentano del 4%, le superfici coltivate a fragola in Sicilia, 319 ettari nel Marsalese. Varietà molto precoci e di buona qualità, Florida Fortuna. Più 3% anche in Calabria, 142 ettari, per lo più della Sabrina.

Loading...

In cerca di una varietà che coniughi qualità, sapore, fragranza e che sia produttiva e innovativa (la Basilicata guarda all’Igp), si va avanti senza programmazione e strategia comune per commercializzare e valorizzare un prodotto di alta qualità che può portare più reddito, con un importante investimento iniziale: per ogni ettaro occorrono 65-70mila piante, un costo di produzione tra 55-65 mila euro e un rischio imprenditoriale molto elevato.

Altro punto debole è la scarsa capacità di aggregazione: su mille ettari operano per lo più piccoli e medi produttori e meno del 50% fa capo a Organizzazioni locali e nazionali. Una quindicina in Basilicata, tra cui Terre della Luce (110 ettari e 31 produttori), Apofruit (140 ettari e 40 produttori) e l'Aop Arcadia (Asso Fruit Italia 170 ettari tra le due regioni e 39 produttori e Frutthera Growers 70 ettari e 13 produttori). In Campania è maggiore la spinta ad associarsi (spiccano la Coop Sole circa 200 ettari, 15% biologico e 56 produttori, la Coop San Giorgio 70 ettari e 10 produttori).

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti