ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùBilanci

Anno record per Morellato Group: ricavi in crescita del 49% a 310 milioni

In forte aumento anche gli indici di redditività - Il presidente Massimo Carraro: «Il nostro è un progetto di aggregazione di marchi di gioielleria e orologeria»

di Giulia Crivelli

In forte aumento anche gli indici di redditività - Il presidente Massimo Carraro: «Il presidente Massimo Carraro: «Il nostro è un progetto di aggregazione di marchi di gioielleria e orologeria»

3' di lettura

Un esercizio da incorniciare, quello di Morellato Group , con un fatturato di 310 milioni e una crescita del 49% rispetto all’anno precedente. Non che il presidente Massimo Carraro (nella foto qui sopra), per sua natura, dorma sugli allori. Il bilancio consolidato appena chiuso e relativo al periodo 1 marzo 2021-28 febbraio 2022 è un traguardo importante, ma il gruppo è già proiettato nel futuro a breve e medio termine e negli ultimi tre mesi e mezzo molti nuovi progetti si sono aggiunti a quelli che hanno portato all’ottimo risultato dello scorso esercizio.

Crescita sana e sostenibile

Un esercizio molto positivo anche guardando agli indicatori finanziari e di redditività: l’ebitda è arrivato a 87,3 milioni, pari al 28% del fatturato, con un incremento di quasi il 68% e la posizione finanziaria netta al 28 febbraio 2022 era di è 17,5 milioni, alla luce di investimenti per circa 23,5 milioni. I risultati confermano la leadership di Morellato Group in Italia (escludendo ovviamente player globali come Bulgari e Pomellato, di proprietà, rispettivamente, dei colossi francesi Lvmh e Kering) e il ruolo da protagonista in Europa. Morellato può orgogliosamente definirsi il più importante gruppo a capitale italiano di gioielli e orologi e gestisce un portafoglio di brand di proprietà di cui fanno parte Morellato, Sector No Limits, Philip Watch, Lucien Rochat, Live Diamond, Bluespirit, La Petite Story, Oui&Me, Cleor, Noelie, D'Amante e Arca, marchi ai quali si aggiungono brand per il quali il gruppo è licenziatario mondiale: Chiara Ferragni, Maserati e Trussardi (nelle foto in alto, anello Riviera del marchio Live Diamond, in oro bianco con diamanti, smeraldi, rubini o zaffiri ecologici e orologio Oui&Me della collezione Fleurette).

Loading...

L’allargamento del portafoglio

Un risultato frutto di un percorso di acquisizioni mirate avviato da anni. Nel 2017 Morellato acquisì Kronoshop.com, e-commerce italiano specializzato nella gioielleria e orologeria; nel 2018 fu la volta di Mister Watch, azienda francese proprietaria del brand Oui&Me, l’anno successivo di Cleor e Noelié, retailer francesi di gioiellerie “prêt-à-porter”, come lo sono le altre del portafoglio del gruppo. Last but not least, nel 2020 e “nonostante” la pandemia, Morellato ha acquisito D’Amante, catena italiana di gioiellerie. «L’obiettivo è proseguire nel percorso di crescita e nel ruolo di aggregatore nel mercato della gioielleria e orologeria in Europa, Asia e Middle East – spiega Massimo Carraro – attraverso attività di impresa sostenibili e che valorizzino la tradizione della manifattura italiana». Il gruppo Morellato, in Italia e all’estero, spicca per la sua natura integrata: tutto iniziò con i cinturini, che ancora oggi produce e fornisce anche a maison di alta gioielleria.

Focus sulla sostenibilità (autentica)

Non green washing o azioni di marketing e comunicazione di breve periodo, bensì autentica sostenibilità, per profonda convinzione dell’azienda, della proprietà e dei manager, e per essere in sintonia con lo “spirito del tempo” e le richieste dei clienti finali: «Insieme al bilancio “principale” quest'anno pubblichiamo il nostro primo Bilancio di sostenibilità, in accordo ai principi internazionali degli standard Gri (Global standars for sustainability reporting) – sottolinea Carraro –. Come prima attività è stata realizzata la “matrice di sostenibilità”: attraverso un'analisi di benchmark e il coinvolgimento degli stakeholder (in primis clienti e management) sono stati individuati gli argomenti Esg più rilevanti: i temi sono state analizzati e misurati e riportati nel Bilancio di sostenibilità».

Espansione all’estero e retail

Nel 2022 è stata inaugurata una nuova società del gruppo a Dubai, negli Emirati arabi uniti, centro nevralgico per l'espansione nei mercati di Middle East e Africa. La nuova sede si trova nel cuore del Dubai Design District, hub di riferimento internazionale della moda e del design. «I dati sul turismo indicano una forte ripresa dei viaggi e del traffico in aeroporti e stazioni, la ripresa dei viaggi per lavoro sembra invece più moderata – conclude Carraro –. Ma il travel retail resta un filone di investimento importante, insieme all’ampliamento della rete distributiva diretta online e offline. L’obiettivo è di arrivare a 500 negozi entro il 2024, rispetto ai 400 di oggi: 260 si trovano in Italia, 140 in Francia».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti