bilanci

Anno record per Piquadro: ricavi a 148 milioni (+51,1%), indici adjusted in crescita a due cifre

di Giulia Crivelli


default onloading pic

4' di lettura

Un esercizio record per Piquadro e un ottimo segnale alla vigilia del Pitti Uomo, la grande rassegna della moda maschile che si apre domani a Firenze e alla quale Piquadro partecipa da moltissimi anni (nella foto, uno zaino che sarà presentato a Firenze). Il bilancio consolidato chiuso al 31 marzo ha registrato, un fatturato pari a 147,47 milioni, in aumento di circa il 51,1% rispetto ai 97,63 milioni dell’esercizio precedente. L’aumento dei ricavi è stato determinato principalmente dal consolidamento, a partire da giugno 2018, della Maison Lancel che ha registrato ricavi per 45,2 milioni, nonché dalle performance positive delle vendite a marchio Piquadro e di quelle a marchio The Bridge, terzo brand del gruppo di pelletteria e accessori.

La performance del marchio Piquadro
Con riferimento Piquadro, i ricavi sono cresciuti del 2,6%, incremento è stato determinato sia dalla crescita (+4,3%) delle vendite nel canale Dos (directly operated stores, negozi a gestione diretta) sia da quella del canale wholesale (+1,4%), che rappresenta il 58,3% delle vendite a marchio Piquadro. Il canale Dos include anche il fatturato del sito e-commerce

La performance di The Bridge e Lancel
Il fatturato di The Bridge è cresciuto dell’11,6%: +14,7% il canale Dos, +10,3% il canale wholesale, che assorbe il 68,8% delle vendite. Anche in questo caso nel dato dos c’è l’andamento dell’e-commerce, salito del 42,4%. del brand The Bridge include anche il fatturato del sito e-commerce della The Bridge, che è risultato in aumento del 42,4%.
Nel periodo giugno 2018 – marzo 2019 il fatturato di Lancel è arrivato a 45,2 milioni. La storica maison francese, acquisita dal gruppo Piquadro nel 2018, ha 58 negozi diretti in Francia, 2 negozi in Italia e rispettivamente 1 in Spagna, Russia e Cina.

Ricavi di gruppo per area geografica
Dal punto di vista geografico, i ricavi del gruppo sono saliti del 7,2% delle vendite sul mercato domestico, che assorbe una percentuale del fatturato totale del 53,9% (era il 76% nell’esercizio 2017/2018). Senza considerare l'incremento dei ricavi dovuto alla vendita dei prodotti a marchio Lancel (contributo alla crescita del mercato domestico pari al 2,3%), le vendite relative ai marchi Piquadro e The Bridge, nel mercato italiano, risultano in aumento del 4,9%. Nel mercato europeo, il gruppo ha invece registrato un fatturato di circa 63,4 milioni, pari al 43,0% delle vendite consolidate (21,1% delle vendite consolidate al 31 marzo 2018), in incremento del 207,4% rispetto all'anno 2017/2018. Senza considerare l'incremento dei ricavi dovuto alla vendita dei prodotti a marchio Lancel (contributo alla crescita del mercato europeo pari al 199,8%), le vendite relative ai marchi Piquadro e The Bridge, nel mercato europeo, risultano in aumento del 7,6%. Nell’area geografica extra europea il fatturato è aumentato del 62,9% rispetto all'esercizio 2017-2018 principalmente per effetto dell'introduzione della Maison Lancel il cui contributo alla crescita è risultato pari all'82,3%.

La redditività del gruppo
In termini di profittabilità, il gruppo Piquadro ha registrato un ebitda di circa (0,83) milioni di euro, rispetto ai 10,78 milioni realizzati nell'esercizio chiuso al 31 marzo 2018. Il calo è legato ai risultati realizzati dalla Maison Lancel da giugno 2018 a marzo 2019 (10 mesi), negativi per (11,4) milioni e agli oneri di acquisizione della Maison Lancel, pari a 1,42 milioni. L’ebitda adjusted, definito come somma dei risultati conseguiti dai marchi Piquadro e The Bridge ed escluso costi e ricavi non ricorrenti, risulta pari a circa 12,01 milioni e in crescita dell'11,4%. L'ebit di gruppo risulta pari a (4,35) milioni; l’ebit adjusted, definito come somma dei risultati conseguiti dai marchi Piquadro e The Bridge ed escluso costi e ricavi non ricorrenti, risulta pari a 8,7 milioni e in crescita del 11,0% rispetto all'esercizio chiuso al 31 marzo 2018. L’utile netto di gruppo è risultato pari a 34,48 milioni e in miglioramento di oltre 29,7 milioni rispetto; l’utile netto adjusted, definito come somma dei risultati conseguiti dai marchi Piquadro e The Bridge ed escluso costi e ricavi non ricorrenti, risulta pari a 6,2 milioni di Euro ed in crescita del 29,0% rispetto all'omologo dato registrato nell'esercizio chiuso al 31 marzo 2018.

Pfn in miglioramento
La posizione finanziaria netta (Pfn) risulta positiva, pari a circa 25,6 milioni, in miglioramento di 29,2 milioni rispetto alla posizione finanziaria netta negativa di 3,65 milioni di euro registrata al 31 marzo 2018. La Pfn al 31 marzo 2019, comparata con quella al 31 marzo 2018, migliora principalmente per il consolidamento della Maison Lancel e in particolare per la liquidità ricevuta all'atto dell'acquisizione della Maison Lancel pari a 43,9 milioni, comprensiva del contributo di 35 milioni versato in Lancel dal Gruppo Richemont (precedente proprietario della maison) per la copertura delle eventuali future perdite del Gruppo Lancel.

Il commento del ceo e presidente
«I risultati del primo bilancio che consolida la Maison Lancel sono positivi sotto tutti i punti di vista» commenta Marco Palmieri, presidente e amministratore delegato del Gruppo Piquadro. «La redditività adjusted, a parità di perimetro che considera i brand Piquadro e The Bridge - cresciuta a doppia cifra - attesta ottime performance dei due brand. I dati di Lancel iniziano a mostrare i primi risultati del turnaround della Maison, che insieme ai recenti dati di vendita del retail Lancel dei primi due mesi fiscali, in crescita like for like a doppia cifra nonostante il difficile contesto francese, rappresentano la conferma che le attività sulla Maison Lancel stanno producendo gli effetti desiderati e dimostrano la validità delle strategie di prodotto, posizionamento e organizzazione da noi messe in atto per valorizzare le straordinarie potenzialità del marchio».

Outlook 2019-2o e dividendo
Nel corso dell'esercizio 2019-2020 per il Gruppo Piquadro si delineerà ancora di più l'accelerazione del percorso di crescita internazionale. Il Consiglio di amministrazione di Piquadro proporrà alla prossima assemblea, fissata per il 25 luglio un dividendo unitario pari a 0,08 euro per azione, calcolato sulle azioni in circolazione alla data odierna (n. 50.000.000 di azioni). L'ammontare complessivo del dividendo proposto è quindi pari a 4,0 milioni.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...